Da Cecchini, un inno alla ciccia (ma non solo)

Alla macelleria Cecchini di Panzano in Chianti è sempre festa


Non ci posso credere, così ho esclamato alla vista del menu della Officina della Bistecca di Panzano in Chianti (FI), locale del più noto tra i macellai italiani, ovvero Dario Cecchini che, nel periodo di “mucca pazza”, inventò il funerale della bistecca, di cui tuttora resta un tabernacolo, a fianco della macelleria con lapide e fiori.

La sorpresa è stata perché, oltre al “Menù Officina”, ovviamente tutto ciccia, si può scegliere il “Menù Vegetariano”, tra l’altro assai intrigante: pappa al pomodoro, caponata di verdure, frittata di due uova, fagioli all’extravergine, pomodoro e formaggio, pere sciroppate, insalata Italiana. L’opzione vegetariana è anche nell’altro locale, Solociccia, accanto a un menu del macellaio, ovviamente tutta ciccia, segno di attenzione da parte di Cecchini e, al tempo stesso, una modalità scaltra per attrarre gruppi di commensali con gusti diversi.

Le varie portate nell’ Officina della Bistecca, passano in un clima di festa ogni volta che l’uomo della griglia annuncia l’arrivo nella lunga tavolata delle varie portate, un vero e proprio inno alla ciccia, nonché un excursus nei diversi tagli dell’animale, ben documentati dal disegno allegato al menu. Insomma si conosce ciò che si mangia.

Si parte con la battuta di crudo, poi carpaccio di culo, quindi costata alla fiorentina, bistecca panzanese, bistecca fiorentina, fagioli all’extravergine, patate al cartoccio, burro del Chianti (altro non è che lardo battuto), accompagnati da calici di rosso toscano nel fiasco d’antan. C’è anche chi fa il bis, e non sono pochi!

foto: Tommaso Iorio ©

Contatti

DARIO CECCHINI

Via XX Luglio 11, Panzano in Chianti (FI)
055 852020
info@dariocecchini.com
www.dariocecchini.com

ADV

Leggi anche


Una cena in aeroporto davvero insperata

Davide Paolini il 09 lug 2019

In Romagna, l'agriturismo di Vincenzo Cammerucci

Michela Brivio il 05 lug 2019

Al ristorante Luce di Villa Panza anche l'orto è ad arte

Davide Paolini il 01 lug 2019