Al Bar Basso due cocktail con la storia

Inizia oggi la nostra rubrica dedicata ai cocktail con ghiaccio Icetop e Biobibite Levico


Quando le temperature si abbassano non c’è niente di meglio di un buon cocktail per combattere il freddo. Quale città più di Milano per il bere bene miscelato? Abbiamo scelto 5 cocktail bar meneghini chiedendo ai bartender di realizzare dei cocktail per Gastronauta, utilizzando il ghiaccio ICETOP, le Biobibite e la linea BioMix di Levico.

La nostra prima tappa è il Bar Basso, storica insegna del bere bene meneghino. Con la sua insegna rossa al neon, faro luminoso delle notti milanesi, Mirko Stocchetto ha cambiato la mixologia italiana con l’invenzione, negli anni Settanta, del Negroni sbagliato, servito in scenografici bicchieroni con grandi cubi di ghiaccio. Dal 1984 la gestione del locale passa al figlio di Mirko, Maurizio, che continua a portare avanti la filosofia del padre. Con quell'aria malinconica e romantica da Vecchia Milano, il Bar Basso è rimasto coerente nel tempo all’arredo anni Settanta, che nel suo caso non coincide con il ritorno temporaneo e modaiolo al vintage, e non è mai sceso a compromessi sull’aperitivo a buffet. Qui vige ancora la regola del “mangia e bevi” di un tempo: il cocktail è accompagnato da patatine, noccioline, olive e qualche stuzzichino cha hanno il compito di stimolare la cena, non di sostituirla.

Maurizio ha rivisitato due cocktail del Bar Basso, Stampa e Paganini, con l’utilizzo del ghiaccio Icetop e delle BioBibite Levico. Stampa è dedicato a Vittorio Mistri, caporedattore de Il Sole 24 Ore: Vermouth, Vodka, Whisky, Galliano, gocce di Campari, BioBibita Levico MelaeZenzero, caffè ai bordi del bicchiere, una elegante sfera di ghiaccio Icetop. Esiste un parallelismo tra il cocktail e il mondo del giornalismo: i grani di caffè sporcano le mani, come l’inchiostro dei giornali freschi di stampa. Il Paganini è un cocktail nato per non essere ripetuto, ma dato il successo viene replicato spesso: lime, zucchero di canna, rum chiaro, rum scuro, BioBibita Levico Melagrana e il compatto maxi cubo Icetop.

La qualità superiore di Icetop, derivata dall’utilizzo di acqua purissima e leggera di fonte alpina Levico (1660 m) e dall’esclusiva tecnologia Hoshizaki, lo rende il ghiaccio ideale per la miscelazione di alto livello. La sua assoluta purezza, dovuta alla mineralizzazione dell’acqua, la tecnologia a cella chiusa e la marmorizzazione Hoshizaki fanno sì che il suo coefficiente di scioglimento sia molto basso e, di conseguenza, resistente allo stoccaggio e al trasporto. La presenza infinitesimale dei minerali dell’acqua massimizzano la resa qualitativa e la densità del ghiaccio che, nelle sue diverse forme geometriche (cubo, cubotto, sfera e pilet), non presenta cavità interne e ha una superficie di scambio termico minimo, elementi fondamentali per il bere miscelato di eccellenza. La stessa ricerca della materia prima è alla base delle BibiteBio Levico realizzate con estratti di frutta di prima qualità e zucchero di canna da agricoltura biologica. Nessun aroma o conservante artificiale per delle bevande naturalmente buone. Le bibite Levico sono disponibili nei gusti: Aranciata, Limonata, Chinotto, Biocola, MelaeZenzero, Melagrana. BioGinger Beer e BioTonic Water rappresentano la linea BioMix di Levico: ginger beer e acqua tonica realizzati con ingredienti di origine 100% biologica, senza coloranti e conservanti chimici.

Contatti

Bar Basso

Via Plinio 39, Milano
02.29400580
barbassomilano@gmail.com
barbasso.com

ADV

Leggi anche


A Milano, i cocktail sartoriali di Ceresio7

La Redazione il 05 dic 2019

Il prossimo weekend Milano Golosa - Natale da Cargo

La Redazione il 22 nov 2019

Da Ugo Bar di Milano due cocktail dal gusto retrò

La Redazione il 07 nov 2019