A Milano, i cocktail sartoriali di Ceresio7

Per la terza tappa del nostro tour ci fermiamo da Ceresio7 per i cocktail del bartender Guglielmo Miriello


Per il nostro terzo appuntamento con i cocktail bar di Milano, in compagnia di Levico Acque e Ghiaccio Icetop, ci rechiamo in zona Garibaldi, a due passi dal Cimitero Monumentale, e saliamo al 4° piano di un ex palazzo storico di Enel, oggi sede del gruppo di moda Dsquared2. Luci, vetrate, acqua, skyline, piscina, tavoli e cocktail.

Siamo da Ceresio 7. L’American bar del locale è uno dei migliori luoghi del buon bere meneghino. Una cocktail list stagionale, che alterna gli ever green della mixology a dei drink di fantasia creati dal bartender Guglielmo Miriello, un esperto professionista che unisce sapientemente la conoscenza del passato alle nuovi correnti della miscelazione.

Ma l’arte della mixology non si ferma al bancone, tantomeno agli aperitivi. Le polibibite di Miriello entrano nella sala del ristorante dove incontrano i piatti dello chef Elio Sironi e, in alcuni casi, sanno essere ingredienti essenziali della portata. È qui che si ritrova tutta la filosofia di Ceresio7. La personalità di Miriello ha contribuito a rendere più solido il rapporto tra cucina e bartending: l’intesa con Sironi è perfetta, i cocktail sanno esprimere in pieno la contemporaneità dei piatti, la loro texture e il loro colore. La porta dell’ascensore si apre al quarto piano, percorriamo il locale fino in fondo e arriviamo alla vetrata con vista sulla piscina. Il bancone del bar si trova lì. Ad accoglierci è proprio lui, Guglielmo Miriello: pugliese, classe 1980, ha affinato la sua tecnica dietro il bancone dei bar più prestigiosi della città, e non solo: dal Bulgari Hotel all’Excelsior Bar alla direzione del Bar e Bistrot della Maison Pourcel di Shanghai fino al Dry di Milano.

Guglielmo prepara per noi Hellfire, uno dei cocktail della lista You Inspire Me, di ispirazione brillante e sartoriale. Quindi: Mezcal Nuestra Soledad, un premix di Mezcal di sua produzione fatto con pepe di Sichuan, peperone rosso arrostito, Ancho Reyes, lime, nettare di agave, cotto sottovuoto a bassa temperatura e filtrato. Il cocktail viene addizionato del ginger beer della linea BioMix di Levico, prodotto con ingredienti di origine 100% biologica, senza coloranti e conservanti chimici. Completano l’opera tre sfere di ghiaccio Icetop, la cui qualità superiore deriva dall’utilizzo di acqua purissima e leggera di fonte alpina Levico (1660 m) e dall’esclusiva tecnologia Hoshizaki. La tecnologia a cella chiusa e la marmorizzazione Hoshizaki fanno sì che il suo coefficiente di scioglimento sia molto basso. E, come ciliegina sulla torta, una skeleton leaf, foglia edibile di magnolia a cui è stata tolta la linfa tramite un processo di essiccazione.

Contatti

Ceresio7

Via Ceresio 7, Milano
02.31039221
info@ceresio7.com
www.ceresio7.com

ADV

Leggi anche


A Milano i cocktail colorati del Killer

La Redazione il 11 set 2020

Il sapore delle anatre in bicicletta

Davide Paolini il 31 ago 2020

I mocktail con L’Angelica: il Nemesia Collins

La Redazione il 28 ago 2020