A Milano, i cocktail rock di Elita Bar

Per la quarta tappa del nostro tour con Icetop e Biobite Levico andiamo sui Navigli, da Elita Bar


Per il nostro quarto appuntamento con i cocktail bar di Milano, in compagnia delle Biobibite, della linea BioMix di Levico e di Ghiaccio Icetop torniamo sui Navigli, in un luogo che ha fatto del buon bere miscelato e della ottima musica elettronica, la sua insegna. Essenziale nella sua sobrietà, Elita Bar, in via Corsico, è un locale dall’atmosfera soffusa e dall’arredo minimal, nuances scure che, diversamente da quanto si possa pensare, diventano sinonimo di accoglienza e calore.Cocktail ricercati nel gusto e nella qualità fanno da biglietto da visita di Elita Bar, figlio dell’associazione culturale Elita, a cui va il merito di aver animato, con buona musica elettronica (ma non solo), le serate di un Fuori Salone ancora in erba. Nato otto anni fa come pop-up di un locale con una proposta gastronomica alla spagnola, oggi Elita Bar è uno dei locali cult di Milano.
“Quando non era ancora esplosa la febbre del gin tonic, noi entravamo in questa trattoria, che durante il giorno era la solita trattoria con colazione, dalle 17.00 del pomeriggio in poi diventava Elita bar, punto di incontro della community che girava attorno a Elita, nonché pool di comunicazione del brand”
, ci racconta Alioscia Bisceglia, ex frontman dei Casinò Royale e tra i fondatori del locale.
“Piano piano questa cosa si è radicata, io sono rimasto coinvolto dall’inizio perché di tutto il team di Elita ero quello un po’ più appassionato di food&beverage, avendo avuto un’esperienza passata legata al cibo e al bere. Ho lavorato 13 anni nel ristorante pirata della mia casa occupata a Isola e allora mi hanno un po’ investito di questa cosa”, aggiunge.
Affianca l’alta proposta dei drink una cucina senza orpelli, che va dritta alla sostanza e che sa tenere il passo lungimirante del bancone. Prodotti di artigiani del gusto e materie prime selezionate sono gli ingredienti dei piatti che escono dai fornelli di Elita Bar. Che siano portate vere e proprie, o semplicemente mordi e fuggi per accompagnare l’aperitivo, la proposta rispecchia in pieno la filosofia essenziale del bartending e dell’arredamento: pochi elementi, ma d’eccellenza. Lo vedi subito il bancone del bar, appena varcata la porta del locale. Inevitabilmente l'occhio cade subito sulla scritta al neon "drinc end fud for de anfassi" e sulle tante bottiglie dietro il banco, che rincuorano l’avventore dei navigli.

Ad accoglierci è J, il bartender, che rivisita per noi due cocktail della casa. Il Gin Fizz è preparato a base gin, con succo di limone, sciroppo di zucchero, biobibita Levico alla melagrana realizzata con estratti di frutta di prima qualità e zucchero di canna da agricoltura biologica, liquore al bergamotto, yuzu, limoni essiccati. Il cocktail è completato da alchechengi e cubotti di ghiaccio Icetop, la cui qualità superiore deriva dall’utilizzo di acqua purissima e leggera di fonte alpina Levico (1660 m) e dall’esclusiva tecnologia Hoshizaki. La tecnologia, a cella chiusa e la marmorizzazione Hoshizaki, fa sì che il suo coefficiente di scioglimento sia molto basso.

Il secondo cocktail non ha nome, è sempre a base gin, con ¾ di liquore ai fiori di sambuco, biobita Levico mela e zenzero, ricavata con estratti di succo di frutta al 100% e zucchero di canna biologica, lime, assenzio, cetriolo pestato e menta. A completare il cocktail c'è il cubo Ice Top che rimane compatto e si scioglie con un ritmo molto lento grazie alla tecnologia Hoshizaki.

Contatti

Elita Bar

Via Corsico 5, Milano
02.36798710
info@elita.it

ADV

Leggi anche


A Milano apre Crosta Lab con la pizza a portafoglio

Cristina Rombolà il 08 lug 2020

Nasce Da Màr®, la prima carne al mondo frollata nell'acqua di mare

Cristina Rombolà il 29 mag 2020

La ricetta delle zucchine alla scapece di Alex Leone

La Redazione il 21 mag 2020