The Cook, una nave del gusto a Genova

Il capitano è Ivano Ricchebono


Anno di costruzione 2004, Nervi. The Cook, nome marcato a fuoco. Così come il riconoscimento della Michelin, che arriva nel 2010 e gli rimane impressa anche negli spostamenti ad Arenzano, dove attracca al Poggio e al Grand Hotel. Ma come una sirena è Genova ad attrarlo ancora a sé, rivendicando di diritto la sua unica stella e regalandogli un posto privilegiato nel cuore della città.

Il capitano è Ivano Ricchebono, affiancato dalla moglie Elisa Arduini e da un equipaggio da fuoriclasse, che ha il grande merito di non fare sentire la sua assenza quando si allontana con la scialuppa. Tv e radio, cooking show e consulenze, il primo libro “Il piatto dei desideri”, la collaborazione con il Diana Grand Hotel di Alassio e il Caruggio Eat&Shop all’aeroporto Cristoforo Colombo. Queste le varie, altrettanto numerose le eventuali, ma essendo un grande frontman sarebbe un peccato non incontrarlo a bordo, per la sua simpatia contagiosa e savoir faire.

Dopo le presentazioni visitiamo un po’ questa nave. Abbandonata la rumorosa Piazza De Ferrari, bisogna tuffarsi negli antichi carruggi per raggiungerla. Suggestivo, tanto da sentire in sottofondo e ad accompagnare ogni passo la musica di Faber. Via libera all’immaginazione e romanticismo. Varcato l’ingresso è invece il silenzio ad avere la meglio. Un incanto la sala da pranzo, affrescata nel 1618 all’interno dell’antico palazzo Branca Doria. Sindrome di Stendhal è forse un po’ troppo, ma succede anche questo con la giusta compagnia.

Ripreso fiato e parola è finalmente arrivato il momento di godere di questo lusso anche a tavola. Molte le affinità tra artista e cuoco. Bernardo Strozzi fu “il pittore più gioioso e opulento, sperimentatore tanto estremo da aumentare le potenzialità dell’affresco portandovi maggiore spessore del colore”. Ivano è il perfetto alter ego in cucina. Lo dimostra già a parole con il piatto che vale il viaggio: Acciuga su tela. Titolo intrigante. Un capolavoro sensoriale che alza molto le aspettative, essendo l’inizio del percorso. C’è tutto quello che un piatto deve avere e ci si potrebbe fermare qui. No. Mai accontentarsi. Doveroso approfondire la conoscenza e anche a più riprese, fino a perdere piacevolmente la rotta tra terra e mare.

La sua mano decisa e forte personalità rassicurano sempre i passeggeri. Lui e tutto l’equipaggio conoscono molto bene la meta e come raggiungerla. Senza eccessi e ostentazioni, ma con sostanza e un forte legame alla tradizione. Bellezza, tecnica ed equilibrio firmano ogni piatto. Eccone alcuni del nostro pranzo a bordo con il capitano: lingua di vitello, ostrica Belon e il nostro ketchup, foie gras , riduzione di Vermentino passito e gambero di Santa Margherita, trippa alla genovese, brodetto di pesce con pescato nostrano e piccione d’Anjou, scampo, pepe rosa e bietoline nostrane. Lo Champagne risolve ogni abbinamento, sempre. Ma ora è il momento di scendere sulla terra ferma, dopo questo viaggio di gran lusso, per lasciare a voi il piacere di salire e goderne. Io intanto ritorno tra i carruggi di questa Genova affascinante con “Amore che vieni, amore che vai” a farmi compagnia.

Contatti

The Cook Restaurant al Cavo

Vico Falamonica 9R, Genova
010.9752674 - 328.9147153
thecookrestaurant@gmail.com
thecookrestaurant.com

ADV

Leggi anche


Nelle Marche Uliassi riparte dal mare e dalla famiglia

Andrea Febo il 06 lug 2020

Nelle Langhe, l'Emozione de La Madernassa

Michela Brivio il 02 lug 2020

Gianfranco Bolognesi, il talent scout della Romagna

Davide Paolini il 29 giu 2020