Un pollo fritto nella Tana degli Orsi

I sapori e i profumi del Casentino


Terra autentica, poco contaminata ancora dal turismo di massa, il Casentino è una “enclave” nell’alta Valle dell’Arno, di antiche tradizioni e dal sapore autentico della sua gente. Un itinerario di paesaggi incantevoli e di foreste, luoghi incontaminati e mistici come il Sacro Eremo e il Monastero di Camaldoli della millenaria comunità dei benedettini e il Santuario francescano de La Verna, quindi il Castello dei Guidi a Poppi e alcuni borghi invitanti come Bibbiena (splendido il teatro).

La cucina del Casentino è verace, senza svolazzi o coriandoli di contorno, una cucina “povera”, ricca di sapori e profumi. Tra i piatti diffusi la scottiglia, chiamata il caciucco del Casentino, uno stufato cucinato con diverse qualità di carni; i tortelli di patate, il cui ripieno è a base di patate, rigatino, prezzemolo, aglio, noce moscata, limone, parmigiano. Assai simile al tortello sulla lastra della vicina Romagna Toscana. E fra i dolci il semplice ma delizioso lattaiolo.

Molto preziosi sono gli ingredienti: patata di Cetica, di buccia color rosso intenso, mentre la polpa è bianca, compatta; più piccole sono e più hanno gusto. Non di meno richiesti sono i fagioli zolfini di Pratomagno (territorio tra il Casentino e il Valdarno), i fagioli di Garliano, fagiolo tipico cocco e il cece piccolo del Pratomagno.
Il prosciutto del Casentino trova il posto d’onore tra i prodotti di salumeria (da visitare la macelleria assai fornita di Simone Fracassi a Rassina) perché conserva tuttora l’aureola di grasso, che dona il vero e antico sapore a questo salume, il profumo è intenso e penetrante.

La ristorazione rispecchia il territorio con le trattorie, ci sono anche delle sorprese stravaganti, quali la “Tana degli Orsi” a Pratovecchio, un locale con 18 posti, solo a cena con prenotazione; la serata poi continua con una fornita vineria. Il locale ha un’ampia e ospitale sala, animata di libri, bottiglie, vecchie botti, orsacchiotti di peluche; in sala Caterina e ai fornelli Simone che cucina, a modo suo, gli ingredienti del territorio. Piatti che ho gradito assai, a cominciare dal tortello di patate. Il cuoco lo ha reso croccante alla piastra e formato una crosticina saporita con il pecorino di fossa, ripieno di sambudello di Giubbino. Gustoso il pollo fritto alla maniera degli Orsi: coscia e petto disossati e impanati, in modo originale, nella farina di mandorle, servito con salsa verde, salsa di peperoni piccanti, pesto di pomodori secchi, salsa di yogurt, salsa d’uovo sodo e pomodori gratinati. Davvero singolare il “fish and chips”: bocconcini di baccalà impanati, patate alla paprika, salsa di pomodoro, maionese al finocchio, composta di arance e cipolle. Per chiudere l’inconsueto e fresco dessert “mojito soup”. Altra perla di questa terra: il pinot nero, di cui Cuna (di Federico Staderini) è il portabandiera.

ADV

Leggi anche


Astinenza da ristoranti

Davide Paolini il 25 gen 2021

Palermo col Botto

Davide Paolini il 08 gen 2021

Il sogno di Morini al San Domenico di Imola

Davide Paolini il 02 gen 2021