Torna a inizio pagina

A bordo di Brambù

Il food truck che dà voce a micro produttori con ricette a base di ingredienti ricercati e semi sconosciuti. Il menù: la salsiccia di Bra e il pastin bellunese



Chi sovrappone i food truck a una proposta gastronomica scadente, nel momento in cui addenterà uno degli hamburger di Brambù, dovrà ricredersi.

Ricerca, qualità, un’attenzione capillare per la materia prima, voglia di sperimentare e tanta fantasia sono i capisaldi di questo food truck nato due anni fa con l’intento di portare in giro per lo stivale la Salsiccia di Bra, simbolo dell’omonima cittadina in provincia di Cuneo.

Al timone Massimo e Irene che, dopo anni di formazione all’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo e di esperienza in Slow Food, hanno deciso di democratizzare la cultura del buono, pulito, giusto e di divulgarla attraverso mezzi itineranti.
Brambù. Food truck

La salsiccia di Bra e il pastin bellunese

Le origini

Per comprendere fino in fondo la storia di questo food truck però bisogna andare a ritroso nel tempo, ai sogni nel cassetto dei due titolari che, già da piccoli, animati da curiosità e passione per il mondo del panino, sapevano che avrebbero creato qualcosa nel settore.

Così, messa da parte la precedente vita da ufficio, rischiano, si reinventano e intraprendono una nuova strada che li ha portati a unire i loro principali interessi, il viaggio e la gastronomia di qualità.

Dal 2015 Irene e Massimo non si sono mai fermati, hanno continuato a sperimentare e a provare nuove ricette che valorizzassero al meglio la salsiccia di Bra, a cui hanno affiancato, alla fine del 2016, per differenziare ancora di più la loro già originale offerta, il Pastin Bellunese.

Irene e Massimo, a bordo di Brambù, hanno raccontato fuori dai confini del territorio questi due prodotti regionali e semi sconosciuti, spiegandoli e facendoli assaggiare, sempre di più attraverso catering, feste private e pranzi aziendali.

Il menù

Il menù di Brambù oggi parla due lingue: la piemontese e la veneta. È un omaggio ai territori da cui provengono Massimo e Irene e, soprattutto, ai microproduttori artigianali che forniscono gli ingredienti per una proposta gastronomica che cambia in base alla stagione e alla reperibilità dei prodotti, ma che non scende mai a compromessi sulla qualità.

In carta sono sempre disponibili i “must” della casa, ovvero i cavalli di battaglia a cui si aggiungono saltuariamente piatti speciali offerti solo in determinate occasioni.
Brambù. Menù

Non solo hamburger su Brambù

Bramburger

Bramburger è il biglietto da visita: imprescindibile, chi si ferma da Brambù, non può non assaggiarlo. Pane artigianale, hamburger di salsiccia di Bra cotto alla piastra, lattuga, pomodoro, cipolla e salse biologiche a scelta tra ketchup, maionese e senape. 

MagicBurger

MagiBurger è il cheese-burger e deve il suo nome a Andrea Magi, l’affinatore toscano che fornisce l’Antani, il formaggio utilizzato per questo panino. Viene preparato con pane artigianale al latte, hamburger di salsiccia di Bra cotto alla piastra, formaggio Antani, lattuga, pomodoro, cipolla caramellata e maionese.

Buffalo Soldier

Buffalo Soldier, creato in collaborazione con la Società Agricola Borgoluce, è un hamburger di carne di bufalo, accompagnato da un formaggio erborinato di latte di bufala, pane artigianale, julienne di cavolo rosso e pomodori.

Pastin Burger

Pastin Burger vuole essere un omaggio al Veneto e, in particolare al Pastin bellunese e al radicchio trevigiano (quando è disponibile). Si presenta sotto forma di pane artigianale al radicchio di Treviso, hamburger di Pastin, radicchio di Treviso alla piastra, Pinetta (formaggio erborinato di capretta di Magi) ecipolla caramellata.

Brado

Il Brado è il più amato dai braidesi, esalta le caratteristiche della carne, rendendole ancora più eleganti con un condimento delicato e sfizioso. Ciabattina croccante, pasta di salsiccia di Bra cruda, valeriana olio e limone, salsa al formaggio Bra Duro DOP.

Patata Miller

Patata Miller è il panino vegetariano di Brambù. Succulento e gustoso, viene scelto anche da molti mangiatori di carne. Pane alle patate, frittatina alle erbette di campo, spinacino fresco, pomodorino soleggiato dell’azienda Prunotto, pesto artigianale Rossi 1947 e maionese.

Buon Samaritano

Il Buon Samaritano è l’ultimo nato in casa Brambù, è aria di primavera, il mare che incontra la montagna. In uno scrigno di pane arabo, friarielli (in base alla disponibilità), casatella trevigiana, pomodorini soleggiati Prunotto e le acciughe si incontrano per offrire un connubio di sapori unici.

Tris di Bra

Il Tris di Bra è l’ideale per tutti coloro che voglio approcciarsi per la prima volta alla salsiccia di Bra. Sono tre assaggi di pasta di salsiccia di Bra cruda, conditi con scorza di limone grattugiata, pesto artigianale e granella di nocciola delle Langhe IGP.

Zizzole

Oltre ai panini, non perdetevi le Zizzole di Brambù, bignè salati, ripieni di pasta di salsiccia di Bra cruda, conditi con crema al formaggio Bra duro DOP tiepida e granella di nocciola delle langhe IGP.

A Gourmandia potrete conoscere i segreti della salsiccia di Bra, del Pastin bellunese e gustare tutte le specialità di Brambù da venerdì 12 maggio alle ore 18.00 a lunedì 15 maggio alle ore 15.00 nell'area esterna della manifestazione e durante Gourmandia Fest.

Contatti

BRAMBÙ

Bra (CN) e Treviso
Massimo 338.7933143; Irene 389.2756943
brambutime@gmail.com
www.brambu.it

ADV

Leggi anche


Street food a Roma, 10 indirizzi da provare

Andrea Febo il 14 apr 2021

Katsu Sando il panino giapponese con la cotoletta

Cristina Rombolà il 09 apr 2021

Lampredotto, cibo di strada democratico

Davide Paolini il 01 apr 2021