Torna a inizio pagina

A caccia di gusto tra i boschi della Toscana

Al Silene di Seggiano la cucina stupisce e invita alla scarpetta



Tanto abbonda la qualità dei produttori di eccellente vino rosso nell’area di Montalcino e della Val d’Orcia, quanto stentiamo a ritrovare la medesima qualità in ambito ristorativo. È dunque necessario munirsi di pazienza, analizzare l’offerta del territorio ed essere disposti a esplorare. E in tal caso, escludendo i rinomati resort extralusso con i loro ancor più rinomati ristoranti interni, la scelta è capitata sul ristorante Silene, a Seggiano, a una quarantina di minuti di auto alle pendici del Monte Amiata. Si sale in montagna tra pinete verdeggianti per arrivare nel mondo di Roberto Rossi, oste chef e anima pulsante di questo locale che ci ha sorpreso per qualità e attenzione.

Un menù con prodotti locali

Si parte benissimo, con un pane a lievito madre casalingo e un olio iper extra vergine di produzione propria: male che vada la cena, la strada percorsa è valsa per assaggiare questa combinazione semplice quanto immancabile nella nostra cucina. Si affianca nella scelta degli ordinativi un puntuale sommelier, dal quale ci lasciamo guidare e il quale riesce a stupirci facendoci degustare un eccellente sauvignon bianco della Cantina Sesti e un rosso d’Orcia della Cantina Resta che non teme rivalità con i più blasonati vini della zona. Superato un amouse bouche di estrema delicatezza, rappresentato da una vellutata di piselli, ci addentriamo nel mondo dello chef, sperimentando le paste fatte a mano: di leggiadra fattura la preparazione dei raviolini ripieni al patè di piccione e pepe nero tostato e da incorniciare le pappardelle di pasta all’uovo con ragù espresso di galletto, pomodorini e timo limonato, la cui cottura viene terminata al tavolo direttamente dallo chef.

Un'atmosfera calorosa

È bella e piacevole questa intrusione dello chef al tavolo, arricchisce la degustazione e offre un tocco di calore all’atmosfera, proprio come un padrone di casa farebbe con i propri ospiti a cui racconta di come ha creato quel piatto per voi. E per finire il piccione alle tre cotture (filetto, petto e coscia), esaltante per armonia ed equilibrio al termine del quale lo chef vi si parerà davanti con la padella di cottura e un crostino di pane per invitarvi ad effettuare una delle scarpette più emozionanti che si ricordi. Mignardises di qualità per concludere accompagnate da un calice di moscadello di Montalcino. Au revoir.-





Contatti

IL SILENE

Località Pescina, Seggiano (GR)
0564.950805
info@ilsilene.it
www.ilsilene.it

ADV

Leggi anche


Pastorie, ristorante di cucina abruzzese a Roma

Andrea Febo il 11 mar 2021

Fettuccine Alfredo: una ricetta romana (non americana)

Andrea Febo il 05 mar 2021

Zona gialla: un pranzo al ristorante

Davide Paolini il 17 feb 2021