Torna a inizio pagina

All'Osteria Veglio, tra tajarin, crudi di pesce e grandi etichette

Un posto dove sai che starai sempre bene


Esiste un posto, a metà strada tra Bra e Alba, disperso nelle bellissime colline langarole, dove il tempo si ferma, dove la vista è mozzafiato e dove la gastronomia assume contorni sublimi. L’Osteria Veglio si trova ad Annunziata, piccola frazione di La Morra, e gode di una delle viste più belle su tutte le langhe: la sola terrazza vale la serata. Vecchia scuola di campagna riadattata a osteria autentica, vera, dove entri e senti il profumo di casa, dove sai che starai bene.


Dal 2015 è gestita da una doppia coppia di giovani, aventi alle spalle una carriera di tutto rispetto, nei migliori ristoranti piemontesi. In cucina il duo composto da Emanuel Marengo, ex sous chef di Ugo Alciati presso la Villa Reale di Fontanafredda e Massimo Corso, ex chef della Libera di Alba, amici da una vita. In sala, rispettivamente, le loro mogli, aventi analoghe esperienze alle spalle: Katharina Zahn, laureatasi all’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo e con parecchi anni di esperienza in sala presso il ristorante Guido a Fontanafredda, e Cristina Dalzotto, responsabile di sala per diversi anni presso La Libera ad Alba. Insieme hanno deciso di coronare il loro sogno e di aprire un ristorante tutto loro, che potesse esprimere al meglio la tradizione enogastronomica langarola, ma che riuscisse ad abbracciare anche nuovi sapori, nuove idee e contaminazioni europee.

Nasce così la cucina raffinata ed elegante dell’Osteria Veglio, capace di conquistare i principali produttori di Barolo della zona, così come le giovani coppie che decidono di trascorrere una serata romantica. Il menù infatti è alla portata di tutti, così come l’ampia carta dei vini, composta da grandi etichette piemontesi, ma anche da molte influenze tedesche, soprattutto nel campo dei Riesling, grazie alle conoscenze di Katharina. L’arredamento è molto minimalista, l’eleganza è pura e si esprime grazie a pochi dettagli, le tovaglie sono abolite, per far risaltare e parlare la bellissima struttura della sala interna e della terrazza durante il periodo estivo.


Il menù cambia sempre in base alla disponibilità del mercato, alla stagionalità e alle intuizioni degli chef, che spesso e volentieri si alzano prestissimo per andare al Mercato del pesce di Torino e prendere il meglio per i loro clienti. Si spazia dai classici, proposti sempre con un tocco in più, con un accorgimento speciale, che conquistano indubbiamente anche i palati più esigenti, ovvero il vitello tonnato, i ravioli del plin, i tajarin, a piatti innovativi che riescono a sorprendere per la sobrietà e l’eleganza dei gusti: la zuppa di ortiche e zucchine novelle con trota marinata e affumicata e olive taggiasche, è un insieme di sapori, di consistenze e di temperature capace di sorprendere anche chi crede di aver assaggiato già tutto. Il loro crudo di pesce (gamberi e ricciola su tutti) è sublime: è eccitante ritrovarsi a mangiare un piatto del genere, guardando le meravigliose onde delle colline langarole e sorseggiando, magari, un Metodo Classico di Ca’ del Bosco.
 

La sala è gestita con eleganza e maestria da Katharina e Cristina, che sanno sempre consigliare il giusto vino in abbinamento ai piatti scelti, che sanno regalarti un sorriso e farti sentire a casa, indipendentemente dal numero di coperti che ci sono da servire.  La cucina è abile arte di Emanuel e Massimo che, grazie all’amicizia di una vita, riescono a muoversi dietro ai fornelli con incredibile sinergia. L’Osteria Veglio è quel posto dove sai che starai sempre bene, dove il rapporto qualità prezzo è tra i migliori che si possono trovare in Piemonte e dove raramente riuscirai a ritrovare lo stesso menù. E’ una poesia enogastronomica ben espressa attraverso dei piatti studiati, elaborati e presentati con incredibile semplicità.

-

OSTERIA VEGLIO

Frazione Annunziata 9, La Morra (CN)

0173.509341

info@osteriaveglio.it
www.osteriaveglio.it

 

ADV

Leggi anche


Romagna d'antan

Davide Paolini il 10 apr 2017

A Casa di Lucia, tra brisaola e pizzoccheri

Michela Brivio il 09 gen 2017

Dalla stalla alle stelle

Davide Paolini il 02 nov 2016