Torna a inizio pagina

Beviamo meglio!

In Italia si consuma sempre meno vino, in controtendenza rispetto a Nord Europa e Usa


Siamo diventati più saggi, più attenti al cosiddetto benessere, insomma ci vogliamo più bene, oppure il portafoglio piange? È una dovuta riflessione di fronte al calo dei consumi di vino pro capite passati dai 120 litri degli anni 70 ai 42 litri del 2011 (previsioni in discesa per i prossimi anni). È importante rilevare che lo stesso fenomeno tocca pure gli altri due storici produttori di vino, la Francia, passata da 160 litri nel 1965 a 45 litri nel 2010 e quindi la Spagna da 50 a 18 litri attuali. 


In controtendenza sono i paesi «nuovi produttori» come gli Usa, o i paesi «consumatori», soprattutto Nord Europa. Questo porta alla considerazione che il calo nei paesi produttori è da legarsi alla trasformazione da vino-alimento in vino bevanda di piacere, mentre la crescita in quei paesi dove i bianchi e i rossi sono diventati una scoperta è dovuta a una tendenza internazionale. Non è casuale che i nuovi bevitori nord europei, americani, giapponesi, e forse un giorno cinesi, siano comunque molto informati, frequentino corsi di degustazione, organizzino viaggi in Italia e in Francia nei territori vocati alla viticoltura.


, riducendo appunto il numero dei calici. Questi neo bevitori potenziali così non hanno contribuito alla crescita dei litri pro capite, forse lo incrementano solo quando toccano i trenta/quaranta anni. Infine la crisi economica ha inferto un altro duro colpo ai consumi italiani; ma è meglio bere con moderazione vini di maggior qualità di un tempo! 


Sine qua non

ADV

Leggi anche


Vasocottura: cos'è e come funziona

Arianna Iachia il 20 apr 2021

Ciao Andrea, il pastore delle api

Davide Paolini il 19 apr 2021

La birra in lattina di Siren

Cristina Rombolà il 15 apr 2021