Torna a inizio pagina

Cocktail d'autore a Cremona

Al bar Da Pola si degustano originali cocktail a base di Chartreuse


Un piccolo bar, dall’arredamento sobrio e dallo stile retrò che fa viaggiare l’immaginazione  agli anni  della dolce vita di felliniana memoria. Ubicato in piazza Marconi, con alcuni tavolini disposti sotto i portici, il Bar Da Pola è un luogo cult a Cremona. Accanto alla cattedrale, al battistero, alla scuola per liutai, al museo del violino e alla sbrisolona, questo micro locale rappresenta un po’ l’anima della cittadina, un posto in cui consigliamo vivamente una sosta.

Al timone il barman Gianfranco Pola. Milanese, classe 1965, inizia il mestiere nel 1981, perfezionandosi  nella miscela dei cocktail grazie a diversi viaggi in Europa, Usa, Canada, America latina e Caraibi. Ritornato in Italia, avvia delle attività professionali  tra Rimini e Cremona,  svolge incarichi presso associazioni di categoria, fa corsi di formazione  e consulenza per aziende di caffè e di liquoristica internazionale.  Appassionato del suo lavoro, dal 1999 comincia a raccontare la sua esperienza di barman in libri e, nel 2011, apre a Cremona l’omonimo bar. Uno dei più grandi riconoscimenti di  Pola è quello di aver portato in una realtà di provincia la filosofia del buon bere internazionale e di avere l’esclusiva per un prodotto importato dalla Francia: la Chartreuse. Vert (verde), Jaune (gialla) o V.e.p (invecchiata), la Chartreuse è un liquore di 130 erbe, prodotto fin dal 1605 dai monaci della grande certosa di Grenoble.  

Da Pola è il tempio di questo elisir d’impronta monastica, qui è possibile degustare tanti cocktail realizzati con il suddetto spirito. Due esempi su tutti: il 127 e lo Chartreus’ito. Chartreuse gialla, lime, Ginger Ale sono gli ingredienti del 127, il cui nome rispecchia l’atmosfera vintage del locale: la polibibita dal colore senape  è un chiaro omaggio alla Fiat 127 degli anni Settanta. Lo Chartreus’ito invece è una rivisitazione del classico Mojito: nel bicchiere troverete succo di lime, Chartreuse Verde, tonica, zucchero di canna e menta fresca. Nonostante l’assenza di Chartreuse, un altro drink,  palese richiamo agli anni d’oro,  merita di essere menzionato: come dimenticare, infatti, il Lambretta Spritz a base di Lambrusco? In abbinamento a questi e altri super cocktail il padrone di casa vi propone un’accurata selezione di prodotti realizzati da esperti artigiani del gusto: succulenti taglieri di formaggi e salumi del territorio, hamburger della storica macelleria cremonese Zilli, panettone e torrone alla chartreuse della pasticceria Morlacchi di Zanica.

Contatti

DA POLA BAR ITALIANO

Piazza Marconi 1/C, Cremona
www.gianfrancopola.it

ADV

Leggi anche


Storia dello Spritz

Davide Paolini il 10 mar 2021

Un cocktail ispirato alla cultura nipponica e al concetto di ospitalità

Cristina Rombolà il 29 ott 2020

Un cocktail old fashioned ispirato alla miscelazione futurista

Cristina Rombolà il 22 ott 2020