Torna a inizio pagina

Eugenio Boer nella sua Essenza

Il ristorante milanese è un concentrato di ricerca e di concetto


E’ un concentrato di ricordi e nuove visioni il ristorante di Eugenio Boer, una bomboniera con una trentina di coperti, all’interno di un cortile di vecchi palazzi, che spegne la frenesia e mondanità della via in cui si trova per aprire le porte a un’esperienza sensoriale di concetto, ma anche tanto emozionale.

L’atmosfera è familiare e di grande affiatamento, un tutt’uno tra sala e cucina con uno staff giovane e numeroso,  accordato alla perfezione dal direttore d’orchestra che è riuscito a trasmettere il suo concept in modo impeccabile.

Una cucina di ricerca che si traduce in tre menù degustazione, in crescente grado di innovazione, una proposta vegetariana e la carta, per scoprire ciò che di essenziale ha lasciato il segno durante la sua formazione. Il viaggio del mondo in 5 bocconi è il benvenuto dello chef, che racconta così le sue origini e i suoi maestri di cucina.


Se questo è il passato, il presente e il futuro si traducono poi nelle portate principali. Divine le lumache con patate al tartufo nero, whisky, lattuga e terra di Funghi porcini e imperdibile il suo risotto alla cenere con salmerino e le sue uova. Poi passiamo dall’innovazione degli spaghetti al burro, furikake, aringa e mele all’interpretazione di un classico come il Boeuf à la mode.


La chiusura riporta al pensiero iniziale,  con uno scatto ricordo che si riassume nel pre dessert chiamato Sud, un sorbetto di limone, crumble di pistacchi e mandorle, cioccolato di Modica al peperoncino, caffé, capperi e arance candite. La carta dei vini è ovviamente “essenziale”.

-

RISTORANTE ESSENZA

Via Marghera  34, 20149 milano 

02 4986865

info@essenzaristorante.it

www.essenzaristorante.it

ADV

Leggi anche


Una bella sorpresa gastronomica a Milano

Giorgio Bobba il 17 set 2015

Una manna a Milano

Michela Brivio il 10 lug 2015

Tre Cristi di talento

Davide Paolini il 08 giu 2015