Torna a inizio pagina

Gigi Pipa, a Este la pizzeria con orto

Nella pizzeria di Alberto Morello impasti a lunga lievitazione e topping pazzeschi


Este è un piccolo comune in provincia di Padova, una cittadina a meridione dei Colli Euganei, dove un ragazzo del 1988, nato e cresciuto lì, ha deciso prima di imparare un mestiere un po’ lontano dai suoi confini e, dopo aver lavorato nell’attività alberghiera gestita dalla famiglia, di aprirsi un luogo suo. Silenzioso e immerso nella sua visione di pizzaiolo amante degli impasti a lunga lievitazione, Alberto inaugura Gigi Pipa - Pizzeria con Orto disegnandola con cura. Da un nome di fantasia, quello di Gigi Pipa, prende forma reale un luogo caldo, accogliente e ben diviso, con due tipologie di offerta e di cottura della pizza, ma soprattutto con un orto a fare da stagionale regolatore di ingredienti.

Con una produzione interna di alcune birre artigianali, un forno a legna per l’offerta classica e la cottura con elettrici a sfornare focacce dai topping gastronomici, Alberto Morello dedica attenzione anche alla cucina tradizionale, mettendo in carta piatti come il radicchio tardivo in carpione con stracchino e noci ( 9,00), le Orecchiette cime di rapa, acciughe e pecorino di Fossa (€ 10,00) e delle Costolette di agnello, finferli, rape e carote al timo con salsa agrodolce (€ 20,00). Spicca la formula Pizza a Degustazione dove, nella loro interpretazione di pizza, vengono usati ingredienti freschi e dell’orto su impasti a lunga lievitazione realizzati con farine macinate a pietra e lievito madre. Si parte dalla Margerita (€ 9,00) e si passa per La Bufala Campana Artigianale D.O.P. (€ 14,00), fino alla Burrata e Crudo Veneto D.O.P. con impasto al farro ( 15,00), trovando tra le più interessanti la Crudo di gambero di Mazara del Vallo, con fior di latte pugliese, burrata, guanciale, salsa masala e polvere di capperi (€ 25,00).

Sempre nelle Pizza a Degustazione troviamo la "Dalla Terra" con fior di latte, robiola di Roccaverano, indivia all’arancia, broccoli verdi, puntarelle, crema di carote allo zenzero e polvere di rape rosse (€ 16,00), vincitrice del prestigioso riconoscimento del Gambero Rosso “Pizza dell’anno”; nel suo insieme complesso, ma strutturato su ingredienti semplici, c’è tutta l’equilibrata rappresentazione del territorio a cui Alberto è legato da sempre. Personalmente, ho incontrato grande equilibrio tra materia prima, consistenze d’impasto e gusto, in due pizze molto diverse tra loro. La prima è una classica cotta a legna ed è la "polpo e patate" con fior di latte pugliese, piovra, patate al prezzemolo, olive taggiasche e salsa orientale (€ 11,00), che è stato un’avvolgente susseguirsi di sapori ben definiti e persistenti; la seconda invece è la Battuta di manzo “Macelleria Tolin”, una focaccia cotta al forno elettrico alla base di fior di latte, bietine, carciofi croccanti e maionese alla nocciola (€ 18,00), in cui ho trovato una interessante alternanza di sapori contrastanti e ben equilibrati.

Contatti

Gigi Pipa – Pizzeria con orto

Via Corradini 1/e, Este (PD)
3314161253
info@pizzeriagigipipa.it
www.pizzeriagigipipa.it

ADV

Leggi anche


Un vino rosé fa primavera

Cristina Rombolà il 24 mar 2021

Milano, apre la dark kitchen di Delivery Valley

Cristina Rombolà il 30 lug 2020

Italian Signature Wines Academy consiglia...Dedicato a Walter di Allegrini Poggio Al Tesoro

La Redazione il 22 lug 2020