Torna a inizio pagina

Il Parmigiano non ha l'età

Stop a inusuali stagionature, per ritrovare i profumi e i sapori dei prodotti invecchiati scopriamo il punto G


Potremmo definirlo il punto “G” (del Gastronauta), ovverosia la traslazione di quel mistero sessuale alla gastronomia: un dettaglio mancante nei manuali, ma colmare questa lacuna per gustare al meglio vini, salumi e formaggi sarebbe fondamentale. Si tratta di quel punto di maturazione o di stagionatura o di invecchiamento magico, di massimo piacere per il degustatore, oltre il quale i prodotti perdono la massima espressione costituita dall’armonia di sapori, i profumi, avangusto e retrogusto.
 

Si tratta di una disquisizione di lana caprina? Forse ma, una volta individuato il punto “G” di un rosso (Barolo, Brunello, Montepulciano eccetera) o di un formaggio (parmigiano reggiano, Bitto, Bagoss) o di un salume (prosciutto, culatello, salame, coppa, eccetera) saremmo in grado di evitare forzature, o anticipazioni dannose di questi prodotti. In questi ultimi tempi si è scatenata la corsa a inusuali stagionature, perseguite solo perché la tendenza volge al vintage. E chi può soddisfare questo tipo di domanda incontra i favori del pubblico degli appassionati.

Di certo alcuni produttori di Parmigiano Reggiano mostrano, con stagionature di 100-120 mesi ,  la qualità del loro prodotto integro, ma al naso e in bocca quel formaggio mostra sapori, profumi e sfumature molto distanti dall’archetipo che nel tempo si è creato il consumatore. La degustazione di diverse stagionature (da 24 a 120 mesi) è intrigante, ma solo in quanto esercizio “culturale”. 

Qual è dunque il punto “G” del Parmigiano Reggiano? C’è chi dice 24, chi 36, ma varia da casaro a casaro. 


Così pure la produzione di prosciutto e di culatello segue il trend di mercato dei gourmet: si offrono stagionature “impossibili”, a caro prezzo, perdendo così i gradevoli e intriganti profumi e i sapori in luogo di puzze o gusti estremi, spacciati per originalità. Un fenomeno che è diffuso anche in una frangia di produzione del vino (ovverosia fra i cosiddetti naturali non riusciti).

Sine qua non

ADV

Leggi anche


Un vino rosé fa primavera

Cristina Rombolà il 24 mar 2021

La spesa in via Sarpi, la Chinatown di Milano

Davide Paolini il 02 feb 2021

Bottiglie parlanti

Davide Paolini il 10 dic 2020