Torna a inizio pagina

Il wineresort dai romantici Pinot

Prime Alture, a Casteggio, è un indirizzo sicuro dove fermarsi


Un progetto focalizzato su vino e accoglienza, quello di Roberto Lechiancole, imprenditore nel settore elettronico, appassionato di golf e patron di Prime Alture, il primo wineresort dell’Oltrepò pavese. E’ durante la frequentazione dei circoli golfistici della franciacorta che Roberto partorisce questa idea. Il suo primo pensiero va ai relais chateaux francesi, ma la consapevolezza di non poterli realizzare in Italia fa sì che si orienti su un’altra soluzione. Un viaggio in Oltrepò gli dà la giusta ispirazione. Una vecchia cascina degli anni '70, sulle colline di Casteggio, viene trasformata, con l’aiuto dell’architetto Federica Savini, in una moderna azienda del vino.  

Il resort offre la prima colazione, taglieri di salumi e formaggi di qualità e dei primi, ma non fa servizio ristorante. Si tratta di una scelta mirata a far risaltare il vino che si può degustare con prodotti d’eccellenza: pasta pastificio dei Campi, formaggi del Boscasso, salumi a chilometro zero, pachini siciliani. A gestire la cantina è l’enologo Achille Bergami.  Dal Pinot Nero, un’uva elegante, delicata e difficile da  vinificare, si ottiene il vino Pinot Noir. Invecchiato per un anno in barrique di rovere francese, è sfumato e persistente. Fresco e di pronta beva si è rivelato Il Bianco, ricavato da uva Chardonnay e Moscato (al 50%). Notevole è l’Io Per Te, un Blanc de Noir fatto con Pinot Nero al 100% e prodotto con metodo Champenoise. Più deciso è L’altra Metà del Cuore, un Merlot al 100%, dal colore rosso rubino, profondo. La raccolta dell’uva è fatta a mano, in cassette forate. La produzione conta circa trentamila bottiglie: una realtà piccola, dunque,in cui la qualità è il principale obiettivo perseguito. 

Considerando i quarantacinque minuti da milano, un’esperienza in questo wineresort è molto consigliata, per un week end all’insegna del relax, di ottimi vini e di paesaggi incantevoli. Lo sfondo di un bosco ripulito, spazi vuoti e uno stile minimal infondono un’immediata sensazione di rilassamento, confermata dalle camere, sei suite di quaranta metri quadrati ciascuna. Staccata dal resort c’è la casa del custode e sono in cantiere tre terrazze destinate all’orto, a un porticato con uva da tavola e a un frutteto. L’arredamento è realizzato con materiale di recupero. La reception si affaccia sul salone, ricavato dall’antico fienile della cascina. Una terrazza enorme, con vista sui sette ettari vitati e sul giardino con piscina, ospita dei grandi tavoli, ideali per fermarsi a degustare i prodotti creati o selezionati da Prime Alture. 
-
PRIME ALTURE
Strada Madonna, 109
Casteggio (PV)
T. 0383 83214
M. info@primealture.it
W. www.primealture.it

ADV

Leggi anche


Un vino rosé fa primavera

Cristina Rombolà il 24 mar 2021

La spesa in via Sarpi, la Chinatown di Milano

Davide Paolini il 02 feb 2021

Bottiglie parlanti

Davide Paolini il 10 dic 2020