Torna a inizio pagina

Intervista a Oscar Farinetti

L'inventore di Eataly sarà ospite d'onore nei Ring di Taste


Taste


Di Oscar Farinetti si è parlato moltissimo grazie al successo di Eataly, un progetto che oggi si replica in molte città in Italia e nel mondo, da Torino a milano fino a Tokyo. E prossimamente anche a Firenze e Bari. 

Oscar Farinetti, originario di Alba, lancia il format Eataly, primo supermercato al mondo dedicato interamente ai cibi di alta qualità, a Torino il 27 gennaio 2007. Nel settembre 2008 lascia la poltrona di amministratore delegato per rimanerne presidente. Nel frattempo segue le aperture di altri Eataly: a Milano (ottobre 2007), a Tokyo, 5 punti vendita (il primo a settembre 2008, l'ultimo a maggio 2011), a Bologna (in partnership con librerie.coop; dicembre 2008), a Pinerolo (settembre 2009) ad Asti (dicembre 2009), a New York (agosto 2010),  a Monticello d'Alba (ottobre 2010) e a Genova (aprile 2011). Un successo che non conosce frontiere e in arrivo a Firenze, anche grazie a Taste per un dibattito con il Gastronauta Davide Paolini (domenica 11 marzo alle 12:00).


Come è nata l’idea di Eataly?

Abbiamo pensato di creare un luogo aperto in cui chiunque possa sentirsi a proprio agio, non solo come consumatore, ma anche come protagonista di un informale percorso di avvicinamento e di comprensione dei cibi e delle bevande di qualità. 

 

Che messaggio ha voluto dare con Eataly?

Noi parliamo alle persone del valore del buon cibo e nelle nostre scelte commerciali restiamo fedeli a questo principio. Potremmo dire che un'azienda etica, pur operando in un regime di libero mercato e quindi sostenendosi attraverso il profitto, si fa guidare, nelle scelte strategiche e in quelle operative, dai propri valori (nel nostro caso, il buono, pulito e giusto) prima che dai confronti di redditività e dalle proiezioni di marketing. 

 


Quali cambiamenti e innovazioni racconta tramite Eataly?

Vogliamo creare maggiore consapevolezza nei confronti del nostro cibo quotidiano e della nostra alimentazione. La frase di Wendell Berry (contadino e intellettuale del Kentucky) che giganteggia all'ingresso di Eataly: “Il primo gesto agricolo lo compie il consumatore, scegliendo ciò che mangia”, è proprio il principio dei cambiamenti nei quali Eataly si riconosce. Il consumatore pian piano sta imparando che può diventare “co-produttore” e condizionare così l'offerta del mercato. Se ci mettessimo tutti a mangiare prodotti di stagione e del nostro territorio, limiteremmo, ad esempio, il traffico dei camion.


Come ha sviluppato Eataly a Roma?

Eataly apre a Roma il più grande luogo al mondo dedicato alle eccellenze agroalimentari italiane. Oltre 15.000 metri quadrati dove il cibo di grande qualità sarà esposto e messo in vendita, degustato nei vari ristoranti e studiato nelle aree ed aule didattiche. Un'integrazione totale tra mercato, ristorazione e didattica. Nell'Air Terminal della stazione Ostiense, la struttura realizzata per i Mondiali di calcio del 1990 dall'architetto postmoderno Julio Lafuente, troveranno luogo oltre 5.000 prodotti agroalimentari di qualità, 18 luoghi di ristorazione monotematici, 40 aree didattiche/emozionali e 8 aule in cui si svolgeranno lezioni e corsi su tutti i temi dell'agroalimentare italiano. Vi troveranno lavoro circa 500 persone. Ci aspettiamo ogni giorno più di 20.000 clienti di Roma, della regione Lazio e delle regioni limitrofe oltre naturalmente a un grande numero di turisti che, dopo aver visitato il Colosseo, i Musei Vaticani ecc. troveranno in Eataly Roma un altro grande luogo della bellezza italica dedicato appunto al cibo.

ADV

Leggi anche


Vasocottura: cos'è e come funziona

Arianna Iachia il 20 apr 2021

Ciao Andrea, il pastore delle api

Davide Paolini il 19 apr 2021

La birra in lattina di Siren

Cristina Rombolà il 15 apr 2021