Torna a inizio pagina

L'osteria sorrentina che stuzzica

Allo Stuzzichino di Sant'Agata sui Due Golfi la cucina è un vero inno al territorio


Se dell’amatriciana all’aglio e del pesto al burro non sapreste cos’altro fare se non starne accuratamente alla larga, se delle guide gastronomiche pensate che ravvivare il fuoco del vostro camino sia la destinazione preferibile, se considerate Masterchef una trasmissione pornografica, se preferite spendere 30 euro a testa anziché 300, mangiando meglio che nei ristoranti pluristellati, allora questo è il locale che fa per voi. 
 

Lo Stuzzichino

Lo Stuzzichino nasce nel 1989 come classica friggitoria napoletana da asporto. Senza rinnegare le radici ruspanti che ne fanno ancor oggi motivo di fascino popolare, la svolta avviene ne 1997, quando la friggitoria si trasforma in osteria a conduzione familiare, beneficiando della consumata esperienza di chef in importanti alberghi e ristoranti della zona del padre Paolo e della passione maniacale del figlio Mimmo per la ricerca e la valorizzazione dei prodotti del territorio. Oggi lo Stuzzichino è una delle migliori tavole della penisola sorrentina e probabilmente la migliore Osteria (con la O maiuscola) in assoluto.

Pochi collaudati cavalli di battaglia ne hanno diffuso la fama tra i buongustai: la pasta con patate e provolone del Monaco; i gamberetti di nassa pescati giornalmente da metà febbraio a metà giugno a Crapolla, insenatura incontaminata della costiera massese; il pesce bandiera riscoperto e valorizzato gratinato con provola affumicata in botti di paglia; i ravioli di limone massese ripieni di ricotta abbinati a vongole veraci; la minestra maritata, tradizionale piatto pasquale e natalizio a base di diversi tipi di verdure di stagione stufate separatamente e insaporite in un fondo di carne mista; la lasagna napoletana con fiordilatte, uova, polpette e pomodori locali; l’autentico pollo ruspante a chilometro zero, proveniente da un approvvigionamento esclusivo sulle colline di Sorrento. Anche il delizioso olio Sant’Antagata Dop profuma di territorio, essendo prodotto con olive minucciole tipiche del posto. 

Ampia carta dei vini (più di 400 etichette, di cui la metà di produzione locale, di cui Mimmo è orgoglioso talent scout). Da segnalare il bianco di uva catalanesca delle cantine Olivella e il rosso Per’e Palummo Terre d’Ischia di Casa d’Ambra, che si può sposare magnificamente sul pesce, se servito a temperatura di cantina. Per concludere in bellezza, assolutamente da non perdere i liquori artigianali a base di carruba, finocchietto selvatico e mirto bianco di Crapolla.

Contatti

LO STUZZICHINO

Via Deserto 1A, Sant’Agata sui due Golfi (NA) 
081.5330010
mimmo@ristorantelostuzzichino.it
www.ristorantelostuzzichino.it

ADV

Leggi anche


Un nuovo locale dallo "stile libero" e dall'identità versatile

Andrea Febo il 28 dic 2017

Tartufo da sniffare

Davide Paolini il 20 dic 2017

Cotoletta dandy

Davide Paolini il 02 mag 2017