Torna a inizio pagina

La cucina italiana? È verace

La tradizione e la cultura dell'Italia in cucina. I veri protagonisti della cucina italiana, gli artigiani del made in Italy



Cucina italiana

Che vespaio il summit sulla cucina italiana! Critiche per la mancanza di Marchesi o di altri cuochi del jet set culinario. In realtà le assenze sono state ben più “pesanti”. Non sono stati convocati i veri protagonisti della cucina italiana: casari, macellai, mugnai, allevatori di maiali, di manzi, di pecore, di capre, di galline, viticoltori, olivicoltori, pescatori.

Cucina di prodotto o Haute Cuisine?


Strano perché la sede dell’incontro è stata il Ministero delle Politiche Agricole, ovverosia la casa madre dei prodotti made in Italy, “debilitati” dall’Italian Sounding. È, o non è, una cucina di prodotto, quella italiana, sbandierata come tale, quando torna comodo, oppure all’improvviso, grazie alla tv sì è trasformata in haute cuisine, di cui non c’è mai stato traccia nella storia tricolore?

Da sempre si afferma che il cibo è cultura materiale, in Francia dove l’alta cucina esiste da centinaia di anni, giustamente è il Ministero della Cultura ad occuparsene, perfino con una festa nazionale della Cucina, mentre l’Agricoltura promuove con grandi risultati champagne, vini, foie gras, agnelli presalè, carni, polli di Bresse, massicciamente utilizzati nelle cucine top italiane, così come i salmoni e il merluzzo  del Nord Europa, gli agnelli australiani, le carni giapponesi o americane, il caviale russo e cinese.

I ristoranti italiani

Purtroppo larga parte dei ristoranti italiani di cosiddetta alta cucina (?), aperti all’estero hanno sempre avuto poca fortuna (l’elenco di chiusure, anche recenti  è consistente) mentre hanno avuto successo locali, meno chef system, che hanno promosso cucine semplici, grazie ai quei piatti popolari, conosciuti nel mondo, vera attrazione dei turisti che girano l’Italia.

La cucina italiana, fino a quando non subirà una rivoluzione (così come in Spagna o nel Nord Europa), ma solo riforme di interpreti di ricette "tradizionali" destrutturate o scomposte nella forma, rimarrà sempre una, nessuna, centomila, ma dipendente dai prodotti (anche nella bilancia commerciale) e non da cuochi compositori, oggi “rara avis”.

Sine qua non 

 

ADV

Leggi anche


Passata di fagioli di Rotonda con anguilla e animelle

Cristina Rombolà il 19 gen 2021

Il sogno di Morini al San Domenico di Imola

Davide Paolini il 02 gen 2021

10 prodotti da provare a Natale

La Redazione il 21 dic 2020