Torna a inizio pagina

Magico Pellicano

I piatti dello chef Sebastiano Lombardi de Il Pellicano di Porto Ercole sono un crogiolo di sapori distinti e briosi


Il Pellicano di Porto Ercole, salirà molto rapidamente nella hit parade italiana. Innanzitutto il personaggio è umile, sereno, attento ma determinato nelle sue scelte che non corrono dietro a mode o a tendenze del momento.

Il retaggio della sua origine pugliese e della tradizione di quella terra gli ha dato in dote l’uso frequente di frutta e verdura in luogo di salse o schiume: un modo per rendere più leggeri e digeribili i piatti di carne e di pesce. Una semplicità apparente che nasconde però ciò che rende appunto i piatti leggibili: tecnica e professionalità. E’ lontano dal trend di chef mediatico, così come i suoi piatti che non parlano con un linguaggio incomprensibile “birignao”, né si presentano con forme di presunto design.

Il menu assaggiato è iniziato con un’insalata: quinoa, frutta, verdura e yogurt al limone, assaggio fresco per una serata caldissima d’agosto; quindi astice blu mediterraneo arrosto al vadouvan (miscela di spezie) con cannolicchi, crema di carote, granola croccante e arancia: un crogiuolo di sapori distinti, briosi. Il piatto che più ha fatto breccia nella mia gola è stato il risotto con pomodori cuore di bue, capperi, olive e crudo di ricciola: ho ancora in bocca il piacere di quei gusti armonici con un lungo finale di pomodoro e la voglia di ordinare il bis.

Da questo piatto med sono passato ai maccheroni toscani in salsa verde, crema di rapa bianca e anguilla affumicata: sapori più marcati. Si sentono in lontananza profumi della Maremma, ben accentuati nei piatti di carne, dove Sebastiano mostra di conoscere ormai il “dialetto” del posto. Così il suinetto di cinta senese con sedano rapa, agrodolce di peperoni e cipollotti e agnello con crema caprino, melanzane perline, datterino affumicato e schiacciata Toscana. In chiusura la mia amata zuppa inglese (con alchermes), in versione soft e banane con barbabietole, caramello, arachidi e gelato all’avena. Un servizio all’altezza della cucina con uno scenario da cartolina da godersi dal tavolo: la luna magicamente sbuca furtiva dal mare, lasciando una scia di luce nel bellissimo mare maremmano.
-
RISTORANTE IL PELLICANO C/O HOTEL IL PELLICANO
località Sbarcatello, Porto Ercole (GR)
T. 0564.858111
M. reservations@pellicanohotels.com
W. www.pellicanohotel.com

ADV

Leggi anche


Passata di fagioli di Rotonda con anguilla e animelle

Cristina Rombolà il 19 gen 2021

Il sogno di Morini al San Domenico di Imola

Davide Paolini il 02 gen 2021

Fagioli di Rotonda con crema di verza, bottarga e corbezzoli

Cristina Rombolà il 04 dic 2020