Torna a inizio pagina

Mangiar fuori a Capodanno

Nei ristoranti si festeggia l'anno nuovo con menù territoriali


La cena d’addio degli italiani al 2011 sarà tradizionale o ancora ricca di creatività e di cibi costosi? Quale sarà la scelta del ristorante? Dagli chef stellati o nelle trattorie con la T maiuscola? Ebbene noi abbiamo scelto la corrente “territoriale” (da non confondere con km 0).


Subida di Cormons la contaminazione culinaria di confine offre una proposta originale: dai leggeri primi petali della rosa di Gorizia, mela seuka e il kren si passa a due primi: piccoli tortelli della Valle d’Idrija (zlikrofi) e briciole di pasta buttata, melograno e radicchio di campo, salsiccia sgrassata; un sorbetto con l’aceto della casa e poi stinco di vitello con patate in tecia, brovada e cotechino.


Crepa, dopo gli antipasti di salumi, arrivano i maccheroncini al torchio di casa con ragù di coniglio, poi vellutata di patate e topinambur seguita dall’anatra all’arancio (omaggio al cremonese Ugo Tognazzi), luccioperca al vapore, assaggio di cotechino alla vaniglia e panettone al cucchiaio con budino. 


Gambero rosso, dove la cena di S. Silvestro è rigorosamente “talebana”: battuta a coltello di romagnola con giardiniera; minestra di castagne e fagioli: gnocchi di patate del Carnaio e ceci con tartufo bianco; passatello asciutto con salsiccia matta; agnello di Monteguidi arrosto e per non tradire chi ci crede: cotechino e lenticchie.


osteria di San Cesareo (Roma) segue strettamente la cultura del territorio. Si comincia con lenticchie con il cotechino di Sor Pietro. Poi consommé di sarsafine con cappelletti vegetali (cardini); pollo ruspante del Fontanile della Vetrice con salsa di castagne di Capranica Prenestina e patate di taglia cozzo; capretto dei Monti Lepini brodettato alla romana con raperonzoli e puntarelle con acciughe di Cetara . 


Villa Maiella di Guardiagrele, i Tinari servono un menu impegnativo dove anche il pesce trova grande spazio. Così il menu di Villa Maiella è un compromesso, di qualità, fra le capesante sautè e il suo corallo con il timballo di baccalà, noci e mandorle; tra il filetto d’orata con cipolla di Fontecchio e il controfiletto di cinghiale e cereali, tra la crema di broccoli e foie gras e la mousse di ricotta di pecora e gelatina di Centerbe.


Umberto a mare dove il pesce è di casa sempre, anche le lenticchie ci sono, servite con triglie di scoglio e pure il capitone scottato con insalatina di rinforzo e acciughe dissalate. Si parte con crudità di pesce all’amo; vellutata di zucca, erba cipollina e gelo di canocchia; vengono poi, via, via serviti bocconcini di pasta fresca con broccoli e frutti di mare; pappardelle al ragù di polpo con ricottina di bufala e il cappone imperiale (coccio) di coffa al forno, patate e cialdine. 


Peppe Zullo, localista da sempre di Orsara, tra i vari piatti: finocchio con baccalà, canestrato e olio; parmigiana di borragine, caciocavallo asciutto; scialatelli di grano arso con pomodorini e salsiccia; dietro coscia di podolico con zucca, caciocavallo, tartufo della Daunia; scartellate con mosto cotto. 


Tavernetta di Camignatello Silano: aperitivo tutto di salumi calabresi, poi tartare di podolica con cips di patate silane e tartufo locale; tortello ripieno di patate e clementine di Calabria Dop con ragù di lepre e fondente amaro; riso di Sibari con castagne di Fagnano e fegato grasso; filetto di merluzzo con salsiccia grassa di suino nero calabrese; guanciotto di vitello podolico con patate silane viola e cotechino di soppressata di Calabria con lenticchie di Morano.

Sine qua non 


ADV

Leggi anche


Vasocottura: cos'è e come funziona

Arianna Iachia il 20 apr 2021

Ciao Andrea, il pastore delle api

Davide Paolini il 19 apr 2021

La birra in lattina di Siren

Cristina Rombolà il 15 apr 2021