Torna a inizio pagina

Paganelli: gelataio viaggiatore

Oltre ai gusti tradizionali, esperimenti ben riusciti


I colori appagano la vista, i profumi dei sorbetti inebriano il naso, il sapore delle creme allieta il gusto. La panna montata - crema di latte e miele – è soffice anche al tatto. I gelati di Francesco Paganelli offrono un’esperienza sensoriale completa. Provate il sorbetto di Sangiovese e il gelato al pistacchio e peperoncino. Il primo è perfetto da accostare ad un antipasto di pesce, il secondo corona una cena tra amici.

 

Al riparo da viali trafficati e circuiti troppo battuti, in via Adda a milano – zona stazione centrale – la gelateria Paganelli dal 1930 produce gusti tradizionali e non. Il nonno Ugo agli inizi del Novecento batteva le strade di Milano con il classico carrettino: crema, cioccolato e un gusto alla frutta a seconda della stagione. Oggi il nipote Francesco ha reinventato l’arte del gelato sperimentando gusti insoliti con ingredienti di qualità e passione da artigiano.

 

Ogni dettaglio viene curato con attenzione e non manca il gusto “crema Paganelli”, il marchio di fabbrica di cui Francesco custodisce gelosamente l’antica ricetta.Fatevi avanti golosi, vale la pena assaggiare e tentare l’indovinello! 

 

Paganelli è un gelataio viaggiatore: coni e coppette diventano “cartoline gustose” dal Cile, Perù, Madagascar e Sudafrica dove d’inverno si spinge in cerca di sole e sapori. Frutta, spezie, bacche e aromi lontani vengono chiusi in valigia per essere usati a Milano, nel piccolo laboratorio in cui Francesco forgia le sue cremose opere d’arte: il gelato alla lacuma, un frutto peruviano corposo e dal sapore che ricorda la liquerizia o quello all’amarula del Sudafrica. Impossibile resistere all’amalgama di sesamo e miele, cioccolato bianco e frutti di bosco. 

 

Sotto i coperchi dorati dei cestelli la vera chicca della gelateria: sorbetti di vini bianchi e rossi pensati per accompagnamenti sfiziosi antipasti di carne o pesce!

La gelateria è piccola ed essenziale, facilmente riconoscibile dai gigli sull’insegna che tradiscono le origini fiorentine dei Paganelli. Francesco ha reso omaggio alla propria “toscanità” realizzando il gusto ai brigidini di Lamporecchio…per gli appassionati dell’anice.

 

Gelateria Paganelli

Via Adda - angolo G.Fara

Milano

Tel. 02/6702751

Mail. gelateriapaganelli@yahoo.it

ADV

Leggi anche


Katsu Sando il panino giapponese con la cotoletta

Cristina Rombolà il 09 apr 2021

Peck, la storica gastronomia milanese

Davide Paolini il 03 mar 2021

La spesa in via Sarpi, la Chinatown di Milano

Davide Paolini il 02 feb 2021