Torna a inizio pagina

Pizza Tafazzi

Uno dei simboli del made in Italy è sotto accusa per colpa di un manipolo di truffaldini


Tafazzi, il personaggio di Aldo, Giovanni e Giacomo, può essere una metafora di un’Italia capace di distruggere “le ricchezze” che ci vengono riconosciute. La pizza, sebbene sia stata sfruttata economicamente e diffusa da altri (si veda pizza Hut), resta nell’immaginario collettivo internazionale un medium del made in Italy, attraverso gli ingredienti: olio, mozzarella, pomodoro, la semplicità nella preparazione, il costo abbordabile.

Insomma un cibo tra i più straordinari. E’ altresì vero che ormai tutto il pianeta lo rivendica, basti pensare che durante un convegno a Bologna un docente della Johns Hopkins affermò: <how do you say in Italian pizza?>, ma pizza significa Italia. Ebbene alla visione della trasmissione “Report”, su Rai 3, ho pensato a Tafazzi, ovverosia come per quattro speculatori (olio di dubbia provenienza e qualità, mozzarella scadente, etc.) o per altri quattro capaci di bruciarla, l’opinione pubblica abbia avuto l’impressione di essere, ogni giorno, avvelenata e truffata. A dire il vero se si potesse controllare l’olio nei retrobottega anche di molti ristoranti ci sarebbe da rimanere basiti. Tutto questo è comunque conosciuto, ma sebbene sia voce diffusa, non lo è per chi dovrebbe fare i controlli.

E ancora in molti saranno rimasti sorpresi dallo scoprire che la mozzarella arriva dalla Germania, ma è noto: il maggior produttore al mondo, incredibile ma vero, è a Berlino. Lo scandalo è invece sulla dubbia provenienza di mozzarella spacciata per italiana. Mi chiedo con che faccia sia stata chiesta alla UE, il riconoscimento STG per la pizza, con un disciplinare ferreo: olio d’oliva extra vergine, mozzarella di bufala campana dop o mozzarella Stg per eliminare i “taroccamenti” nel mondo. Per evitare ulteriori brutte figure sarebbe meglio ritirare il riconoscimento Unesco alla pizza come patrimonio dell’Umanità. Ancora una volta però pagano i tantissimi pizzaioli professionali e onesti, sparsi per l’Italia, "sputtanati" da un manipolo di truffaldini.

Sine qua non

ADV

Leggi anche


10 prodotti da provare a Natale

La Redazione il 21 dic 2020

Il Parmigiano Reggiano non si può produrre fuori dal territorio

La Redazione il 09 dic 2020

Artigiani dimenticati

Davide Paolini il 23 nov 2020