Torna a inizio pagina

Quando l'hamburger è "different"

Da The Different Burger a Milano gli hamburger hanno un altro gusto perché sono fatti con materie prime ricercate e vengono cotti due volte


hamburgerie omologate (ennesima prova di una moda cittadina tutta design e tanta fuffa gastronomica) e le continue classifiche che le vedono come protagoniste alla lunga stancano. Se hamburger dev’essere, almeno che abbia qualcosa che lo differenzi.

E da The Different Burger qualcosa di diverso c’è. Il locale, ubicato nel Giambellino di gaberiana memoria, ricalca scenari cool nell’arredamento, ma non trascura l’aspetto culinario per cui le proposta è molto ricercata. Già a partire dalle materie prime, tutte reperite in storiche botteghe milanesi. Come garanzia della qualità delle carni basti la loro provenienza dalla Macelleria L’Annunciata di Mauro Brun e Bruno Rebuffi, la cui offerta si basa solo su animali allevati in Piemonte con metodo biodinamico. Il che si traduce con attenzione per le stalle e per l’alimentazione, monitoraggio dell’intera filiera (dalla nascita fino alla macellazione), carni gustose e magre.

Ma la differenza sostanziale di questi burger sta nella loro doppia cottura. Per conservare inalterate le proprietà organolettiche del pregiato fassone e del pollo, il macinato viene marinato sottovuoto per almeno otto ore in olio extravergine d’oliva italiano e spezie scelte. A questa fase segue la porzionatura in tagli da 180 grammi, la cui cottura avviene in due momenti. Il primo tempo sottovuoto a bassa temperatura; il secondo (che avviene dopo un passaggio della carne in abbattitore) è un omaggio alla tradizionale arte della griglia e avviene sul barbecue a carbonella. I gusti sono assortiti: dal classic burger (con insalata, cetriolo e pomodoro) alla versione con il bacon e con il Cheddar; dal different burger (a base di roast beef, mozzarella di bufala e composta di verdure) al tuna burger, dal chicken burger al veggie burger.

Anche nella scelta delle verdure di accompagnamento e del pane, nulla è affidato al caso. Le prime arrivano dal fruttivendolo All’Ortolano di via Canonica; il secondo è prodotto artigianalmente da Il Pane da ManuAle, una vecchia panetteria sita nei pressi di Parco Sempione. Ovviamente un panino del genere richiede un degno accompagnamento beverino: nel menu è presente la birra cruda non filtrata e non pastorizzata realizzata dal Birrificio Milano, nato da poco in via Zante. Si può scegliere tra La Veloce (bionda in stile Golden Ale, molto luppolata), La Picchiata (ambrata in stile Apa, agrumata), Vola Basso (ambrata in stile Ipa, fruttata e corposa), La Virata (chiara in stile Blanche, fresca e leggera).  

Contatti

THE DIFFERENT BURGER

via Giambellino 12, Milano
02 94555592
info@differentburger.com
www.differentburger.com

ADV

Leggi anche


Katsu Sando il panino giapponese con la cotoletta

Cristina Rombolà il 09 apr 2021

Peck, la storica gastronomia milanese

Davide Paolini il 03 mar 2021

La spesa in via Sarpi, la Chinatown di Milano

Davide Paolini il 02 feb 2021