Torna a inizio pagina

Ritorna il Rural Festival che quest’anno raddoppia

Non perdetevi l’appuntamento con la biodiversità agricola: il 3 e 4 settembre al parco Barboj di Rivalta e il 17 e 18 settembre nel centro storico di Gaiole in Chianti



Focaccia, torta di prugna, torta di patate, pane, pappa al pomodoro, vino: prodotti e piatti che siamo abituati a vedere e a gustare nella nostra vita quotidiana. Ma se vi dicessimo che la focaccia è fatta con il frumento Gentilrosso, la torta con la prugna zucchella, le patate sono quarantine, il pomodoro della pappa è quello riccio di Parma e il vino è ottenuto da uve Termarina e Fortana?

No, non stiamo parlando di fantascienza e di cibi astrusi, ma di varietà di ortaggi, frutti e grani che oggi ci suonano come nomi nuovi, ma che in tempi non lontani erano ordinaria amministrazione.

Il Rural Festival

Esiste una biodiversità agricola nascosta che varrebbe la pena scoprire e assaporare per rendersi conto di cosa significhi veramente il gusto della differenza.

Per approfondire la conoscenza di questo patrimonio biodiverso che prima e dopo la guerra ha sfamato intere generazioni di contadini e non solo, il 3 e il 4 settembre al parco Barboj di Rivalta di Lesignano De' Bagni (Parma) ritorna, per il terzo anno consecutivo, il Rural Festival.
Festival della biodiversità agricola

La biodiversità agricola

Un weekend all’insegna della diversità rurale e locale, in cui perdersi negli assaggi di prosciutti di maiale nero, arrosticini di pecora Cornigliese, pane di grano del Miracolo, pappa al pomodoro Riccio di Parma, maltagliati all'uovo di gallina Romagnola, Tortel Dols, torta di patata Quarantina, arrosto di tacchino di Parma e Piacenza, formaggi biologici, fagioli Zolfino al coccio, olio di Olivastra Seggianese, latte fresco di asina, polenta Formenton Ottofile Garfagnana, testaroli della Lunigiana con farro, focaccia di frumento Gentilrosso, cipolla Borettana, zucca Violina al forno, orzo Leonessa, succo fresco di uva malvasia odorosissima, torta di prugna Zucchella, vino di uve Fortana e Termarina.

In una riserva naturale della Food Valley (certificata come Mab - Man and Biosphere – Unesco), in mezzo a vulcanelli di fango, increspature, calanchi, siepi, boschi di querce, filari di viti antiche e frutti dimenticati, tra trattori d’epoca anni Trenta e Quaranta, venti aziende custodi di una biodiversità che rischia di perdersi accoglieranno curiosi e appassionati in questa festa agricola di fine estate.

E per chi volesse raddoppiare, l’appuntamento è il17 e il 18 settembre a Gaiole in Chianti (Siena) dove, nel centro storico del paese, ci sarà la prima edizione Toscana del Rural Festival con la stessa formula parmigiana.

RURAL FESTIVAL

3-4 Settembre Parco Barboj, Rivalta (PR)

17-18 settembre Gaiole in Chianti (SI)

Orario: dalle h. 10.00 alle h. 19.00

ingresso gratuito     

Contatti

Rivalta: 342.9128266, 335.316337, Gaiole: 333.1239638 , 366.9081695
info@rural.it
www.rural.it

ADV

Leggi anche


Fagioli di Rotonda con crema di verza, bottarga e corbezzoli

Cristina Rombolà il 04 dic 2020

La ricetta della melanzana rossa tonnata

Cristina Rombolà il 24 nov 2020

Una melanzana che sembra un pomodoro e un fagiolo piccolo piccolo

Cristina Rombolà il 31 ott 2020