Torna a inizio pagina

Sagra del Broccolo Fiolaro

Creazzo celebra il suo ortaggio ricco di proprietà


A pochi chilometri da Vicenza, un broccolo conosciuto con il nome di Fiolaro, per la presenza di germogli, i fioi, lungo il fusto della pianta e in prossimità delle foglie, ha arricchito nei secoli la cittadina di Creazzo, dove lo coltivano fino dall’Ottocento. A quel tempo il Broccolo Fiolaro era uno degli ortagggi pù diffusi  nelle campagne e costituiva la maggior fonte di guadagno per i contadini locali che, tuttavia, con lo scorerre degli anni, abbandonarono la sua produzione. A farne un prodotto così prezioso non concorrono soltanto la gestualità e la sapienza dei suoi produttori, ma anche la fertilità del terreno dove cresce. E' detto “bianco” perchè ricco di limo, sabbia e calcio, grazie ai quali è in grado di offrire un giusto equilibrio di sostanze azotate e organiche. A questo si aggiungono il clima privo di sbalzi termici e l’esposizione solare delle colline dove sono disposti i campi, nei quali a partire da agosto sono trapiantate le piantine di broccolo, pronte per essere colte da novembre sino a febbraio.

Sagra del Broccolo Fiolaro, appuntamento che vede mobilitata la cittadina in un susseguirsi di degustazioni (Broccolo con con ossi de mas-cio o gnocchi), incontri musicali, piatti d’autore e passeggiate panoramiche nonchè digestive.


CREAZZO

Comune del vicentino dalle origini antiche, quando i Romani si fusero con la popolazione veneta preesistente, provvedendo alla bonifica del territorio ed alla realizzazione di una fitta rete stradale. Il nome Creazzo ha probabilmente origine dalla composizione del terreno, che si presenta di natura cretacea. Probabilmente queste caratteristiche del terreno giustificano l'uso della parola latina cretaceus.




Comprare

Salumificio Macelleria Nogara | Salumificio che nasce nel 1969 e fin da allora fa della ricerca nei prodotti la sua missione. Selezione scrupolosa dei suini e rispetto dei tempi di maturazione naturali dei prodotti sono i capisaldi. Specialità sono la Sopressa, il prosciutto crudo Veneto Berico-Euganeo DOC, la Bocconata, i Musetti, la Bondiola di Sant’Agata...

Via Martiri della Libertà, 16 

Sovizzo (VI) 

Tel. 0444 551001 


Damini Macelleria & Affini | Il piacere di fare la spesa, fra salumi, formaggi e piatti di gastronomia di ottimo livello, si può prolungare con un pranzo o una cena nel ristorante della macelleria oppure con l’aperitivo, dove si può scegliere fra 800 etichette. Da provare il succulento hamburger.

Via Generale Cadorna 31

Arzignano (VI)

Tel: 0444 452914 


Mangiare

Antica osteria al Castello | Un posto dve il tempo si è fermato. Il protagonista in cucina è il maiale, valorizzato in piatti tradizionali e creativi. C’è il musetto, il maialino da latte allo spiedo, ma anche i tortelli di pasta fresca e la millefoglie di trippa.

Via Castello 23

Sorio di Gambellara (VI)

Tel. 0444 444085 


La Peca |  La peca in dialetto significa impronta, come quella che rimane impressa sul palato una volta assaggiati i piatti dei fratelli Portinari. Come i tagliolini di carruba mantecati al broccoloro di fiolaro con ostriche, garusoli e limone marinato.

Via Giovanelli, 2 

Lonigo (VI)

Tel. 0444 830214

ADV

Leggi anche


La birra in lattina di Siren

Cristina Rombolà il 15 apr 2021

Street food a Roma, 10 indirizzi da provare

Andrea Febo il 14 apr 2021

Casatiello e tortano napoletano: il derby

Davide Paolini il 12 apr 2021