Torna a inizio pagina

Scorre birra tra i canali di Amsterdam

Un viaggio natalizio nella capitale olandese è l'occasione per visitare un posto bellissimo e assaggiare ottima birra artigianale


Amsterdam. Per Natale infatti l'impressione che si ha alla prima vista del centro è quella di un enorme e festoso lunapark traboccante di balocchi e luci colorate. Le case sono delle tinte dell'arcobaleno e dalla stranissima geometria; si sviluppano strette e lunghe verso il cielo, tutte storte, incastrate l'una all'altra in una caledioiscopica fusione di cromaticità. E poi barche, ponti ma soprattutto tanti canali semicircolari che si aprono intorno al centro storico. Lo stereotipo più comune solitamente associato ad Amsterdam è quello di un luogo trasgressivo e disinibito; negli anni la presenza di postriboli e coffee shop l'ha resa popolare nel mondo quale capitale della tolleranza e del vizio. Ma questa non è che una superficiale e infedele illazione.

Quello che si respira ad Amsterdam è piuttosto un diffuso senso di libertà e rispetto verso l'altro. Un'esplosiva fucina di nuove idee e crocevia culturale d'Europa da secoli aperto a influenze esterne e a contaminazioni etniche. E certo non poteva mancare un sano e vivido substrato per la birra artigianale: una miriade di locali tra i più svariati offrono tutto quello che si possa cercare.

Prima ed imperdibile tappa del tour birrario Brouwerij de Prael un brewpub nascosto tra le vie del Red Light District. È un locale grande e molto frequentato con un'atmosfera accogliente e piacevole. birre tutte interessanti anche se la Johnny, una kolsch eccezionale, ruba attenzione al resto. De Prael è distribuito in molti locali specializzati in tutta Amsterdam. Tra i pub troviamo due piccole e preziosissime perle: l'Arendsnest, che affaccia sul canale Singel, uno di quei posti da cui non ci si separerebbe mai: grande preparazione e serietà uniti a gentilezza e accoglienza, un bancone lungo e splendente con trenta scintillanti spine di craft beer esclusivamente olandese; Cafè De Spuyt è invece un pittoresco e tradizionale piccolo cafè olandese che si distingue grazie all'interessante selezione di birre nazionali, belghe e americane e per l'atmosfera soffusa e rilassata. Imperdibile è anche De Bierkoning, fornitissimo beershop a ridosso di Piazza Dam: più di mille etichette tra olandesi, belghe, scandinave, tedesche, inglesi, ameicane ed italiane.
Infine quando ad un certo punto vi verrà fame – e se avrete ancora un po' di sete – passate da Hoppy Days, un ristopub con birre da tutto il mondo e ottima cucina. 

ADV

Leggi anche


La birra in lattina di Siren

Cristina Rombolà il 15 apr 2021

Tre birre irlandesi per San Patrizio

Cristina Rombolà il 12 mar 2021

Sia lodata la birra in lattina di Stone

Cristina Rombolà il 01 feb 2021