Torna a inizio pagina

Se il Bistrot è milanese

La Langosteria è un locale semplice e informale dove c'è ampia scelta di pesce di qualità


bistrot: parola magica che porta a Parigi, magari agli anni 30, allo champagne senza cravatta nera, all’allegria. Un termine usato a destra e a manca, quasi sempre fuori luogo. Non può venir paragonato all’osteria made in Italy, dove all’arrivo del vino nuovo si metteva la frasca fuori. Né alla trattoria, quella descritta con tovaglia a quadretti e con la mamma o la nonna in cucina. Ebbene in Italia ho visto quasi sempre chiamarsi bistrot ciò che non era o che mancava dello spirito parigino. Un soffio leggero di quel respiro l’ho avvertito a milano, città lontana come anima dai bistrot, più adatta ai locali di design (seppur non ci siano e la media dei ristoranti sia davvero bruttina) o alla trattoria regionale verace (i toscani anni 50-60 o i pugliesi anni 60-70 con in primis la Torre di Pisa) ormai inesistente. 


Langosteria 10 Bistrot & Bottega (via Bobbio, 2 ang. Cogni Zugna tel. 02 58107802). Un locale di quelli che nella guida del Sole 24 Ore definisco “a me mi piace”, cioè dove trovo un’atmosfera e un’empatia nell’accoglienza, nel cibo, nel servizio. Ciò non significa che è la cucina migliore, ma che tutte le componenti per una cena o un pranzo mi soddisfano.


Locale elegante ma informale, semplice, per tutti i gusti, con un’ampia scelta di pesce di prima qualità. Dalle crudité più variegate, ostriche, crostacei e coquillages, a piatti veri e propri come insalata di baccalà alla ligure, orate, branzini e rombi al forno o alla griglia. Non mancano proposte raffinate e particolari per i palati più audaci, come il toast di gamberi rossi al vapore con fois gras o il toast ai cinque cereali con salmone, burro salato e marmellata di tropea. Si può mangiare sia al bancone sia a tavola con prezzi corretti. Eccellente la carta dei vini, a partire dallo champagne. 


Sine qua non

 

ADV

Leggi anche


Katsu Sando il panino giapponese con la cotoletta

Cristina Rombolà il 09 apr 2021

Colomba pasquale, come riconoscere quella più buona

La Redazione il 02 apr 2021

Lampredotto, cibo di strada democratico

Davide Paolini il 01 apr 2021