Torna a inizio pagina

Un affidabile ristorante extralarge

Dalla Tarantola di Appiano Gentile si esce sazi e allegri


Bruma nevosa tra i pini di Appiano Gentile dove, in una radura, lo storico Ristorante Tarantola scintilla ancora delle luminarie natalizie e del Capodanno.

Ceniamo optando per la stagionalità e la tipicità, trascelta da un ampio menù alla carta, cominciando da un generosissimo antipasto di gustoso culatello con contrasto di delicata, fresca e croccante giardiniera, seguito da un primo di sopraffini ravioli con ripieno d'anatra conditi con fondo d'arrosto e zucca gialla.

E poi ecco sua maestà il bollito, in tutta la maestosità dei suoi tagli di carne lungamente cotti e dalle consistenze da far impazzire un giapponese abituato al miglior Manzo di Kobe oltre il sessantesimo livello! Primo giro scondito, per apprezzarne il gusto tal quale, secondo giro con i tradizionali quattro intingoli. E per sbollirsi, a seguire, un gelato alla vaniglia sopra al calore caramellato delle mele cotte.

Fetta di veneziana (a panettone esaurito...) di produzione propria (come i pani, la piccola pasticceria e il cioccolato gianduia, da gustare, come da bambini, con il pane) abbinata a un buon caffè lungo e via, sazi e soprattutto pieni di buon umore e allegria. Il tutto per un conto proporzionato, un servizio familiare, attento, competente e affabile, e una cantina fantastica per dimensioni e ampiezza di vedute. Come dice Gastronauta, un affidabile "ristorante extralarge" per appetiti non da meno.
 

PS. Evviva il bollito, evviva la convivialità a tavola! E, unendoci a Davide Paolini, al diavolo sta cavolo di "osmazoma" del Brillat Savarin! In un "gran bollito" se ne può anche fare a meno. Amen!

-

RISTORANTE TARANTOLA

Via della Resistenza 29, Appiano Gentile (CO)

031.930990

info@ristorantetarantola.it

www.ristorantetarantola.it

ADV

Leggi anche


Un nuovo locale dallo "stile libero" e dall'identità versatile

Andrea Febo il 28 dic 2017

Tartufo da sniffare

Davide Paolini il 20 dic 2017

Un museo ristorante tra le rovine archeologiche

Michela Brivio il 26 set 2017