Torna a inizio pagina

Una pausa a regola d’arte

2 esempi milanesi di musei che sono anche ritrovi gastronomici



I più grandi musei internazionali e, negli ultimi anni, anche molti luoghi d’arte in Italia hanno reso la visita alle proprie esposizioni non solo un momento di approfondimento, ma anche l'occasione per incontrarsi e rilassarsi in bar e ristoranti con menù ricercati e dal design sempre più raffinato. Lettura in chiave moderna dei caffè letterari di gusto ottocentesco o tendenza che rende la frequentazione di questi luoghi un nuovo modo per essere cool? Il risultato, qualunque sia la risposta, è comunque positivo: pubblico per i musei e cornici incredibili per brunch domenicali, aperitivi, cene a due o eventi aziendali.

Quindi, che siate appassionati o semplici frequentatori di luoghi di tendenza, ecco alcuni indirizzi a milano utili per le vostre pause a regola d’arte.

BAR LUCE _ Fondazione PradaBar Luce

Progettato dal regista americano Wes Anderson, noto per la candidatura all’oscar con “The Grand Budapest Hotel”, ricrea l’atmosfera di uno storico caffè milanese. A poche settimane dalla sua apertura, è già uno dei luoghi più fotografati su Instagram, destinato a diventare una tappa fissa della Milano di Expo 2015.

Ogni singolo particolare: dal vecchio juke box, ai flipper, al grande bancone bar, ricco di barattoli di vetro con coloratissime caramelle e bottiglie di amari e distillati dal gusto d’antan, è un continuo rimando alle atmosfere del cinema italiano anni Cinquanta e Sessanta (da “Miracolo a Milano” di Vittorio De Sica a “Rocco e i suoi fratelli” di Luchino Visconti). Il bar è aperto dalle 9 alle 22 con una selezione di dolci della storica pasticceria Marchesi di via santa Maria alla Porta, panini dagli ingredienti ricercati, che ripagano ampiamente i tempi di attesa non proprio da pranzo veloce, e aperitivi in perfetto stile milanese. 

GIACOMO CAFFE' _ Palazzo Reale

Giacomo Caffè
Il caffè si trova nell'atrio di Palazzo Reale, caratterizzato da un ambiente elegante, con tavolini in legno scuro, importanti lampadari e grandi specchi dal gusto romantico, richiama l'atmosfera dei caffè di metà Ottocento. Condivide con Palazzo Reale l'orario di apertura (7:30-19:30, 22:30 giovedì e sabato) e, vista la posizione, è perfetto per chi ama concedersi, fra un acquisto e un altro, tra le vie del centro, una pausa chic con brioches artigianali, piattini sfiziosi serviti da personale con modi d’altri tempi. Un gioiellino retrò dove abbandonarsi e sognare di vivere in epoche lontane.

ADV

Leggi anche


Pastorie, ristorante di cucina abruzzese a Roma

Andrea Febo il 11 mar 2021

Fettuccine Alfredo: una ricetta romana (non americana)

Andrea Febo il 05 mar 2021

Zona gialla: un pranzo al ristorante

Davide Paolini il 17 feb 2021