Come arrivare alla finale di Masterchef e poi perderla - 1° PUNTATA

Prende il via la rubrica settimanale di consigli per gli aspiranti concorrenti firmata da Maurizio e Andrea, gli indimenticabili finalisti della seconda edizione



Un perfetto aspirante Masterchef oramai non deve concentrarsi solo ed esclusivamente sul proprio talento costruito impanando, impastando, impiattando i cibi più improbabili ma deve iniziare una durissima preparazione. Ecco a voi una strategia a punti per affrontare la prossima edizione del programma, perché oramai stiamo vedendo in tv la terza serie ma le selezioni per la quarta stagione sono dietro l’angolo e i giudici sono agguerritissimi. Abbiamo solo pochi mesi per preparaci insieme, quindi fornelli a tutto gas anche se avete l’induzione.

Regola n.1 - Ripassa i fondamentali

Caramellate, brasate, friggete, tempurate, eviscerate, sfilettate ma non lasciate nulla al caso. Vi chiederanno fritture croccanti e gustose in 30 minuti, petti di piccione rosati e succosi, sontuosi risotti all’onda che non vuol dire mantecare con pezzi di moto giapponesi il vostro riso carnaroli, quindi cari aspiranti Masterchef incominciate o ripassate le basi della cucina classica se ancora non le avete apprese. Fate soffritti perfetti, paste al dente, sfilettate da soli un rombo del mediterraneo e imparate una volta per tutte a tirare la sfoglia della pasta a mano.

Ricordate che loro odiano le carni bollite quando vi chiedono una bella bistecca dorata, per cui lasciate stare il vostro ego vegano alle spalle e arrostite tutto quello che si muove, facendo in modo che risulti però ben caramellato in superficie e cotto alla perfezione all’interno. In una delle prime prove della nuova edizione (in onda su Sky ndr) i tre giudici hanno chiesto ai concorrenti di preparare una pasta al pomodoro “perfetta”. Voi avreste saputo farla? Sapete che allo sciur Cracco piace con una noce di burro nel finale? A mister Bastianic from NY lievemente piccante e al buon chef  Bruno Barbieri con un filo d’olio a crudo in cima?

Regola n.2 - Spia i giudici

Spiali nei loro libri, su twitter, pedinali ma scopri i loro gusti. Noi eravamo dei dilettanti allo sbaraglio ma voi avete il sapere delle tre edizioni alle spalle. Quindi leggetevi i libri di Barbieri sulle polpette, imparate da Cracco come fare i fighi con uno scalogno e studiate le memorie di un resturant man di Bastianich.

Scoprirete che Barbieri è un fondamentalista della semplicità, Cracco ama gli accostamenti desueti e il buon Joe odia gli sprechi in cucina e ogni volta che viene scartato un pezzo di carne pregiata o un prezioso frammento di branzino incomincia a scagliarti addosso piatti come un lanciatore del disco alla finale delle olimpiadi. Quindi, occhio ai denti ma soprattutto al palato: Barbieri odia il sale, Cracco decifra ogni singolo sapore e se ne copri qualcuno ti fulmina col suo sguardo a microonde e soprattutto non dimenticare mai che Joe ha il palato di un italoamericano che ha sempre mangiato benissimo, ma è pur sempre made in USA, indi per cui caricate di sapore come se non ci fosse domani.

E se non volete fare tutta questa fatica, rilassatevi sul divano e Chissenefood. Godetevi Masterchef magari con una pizza da asporto lievitata male e guai se vi lamentate. Alla prossima.

ADV

Leggi anche


Amaretti regali made in Gallarate

Maurizio Medaglia il 09 mag 2019

Dove sono finiti gli ex concorrenti di Masterchef?

La Redazione il 27 mar 2015

Il nuovo esperanto culinario inquina le radici del gusto

Luca Vercelloni il 05 set 2014