Come arrivare alla finale di Masterchef e poi perderla - 2° puntata

Continua, con altre due dritte, la rubrica settimanale di consigli per gli aspiranti concorrenti firmata da Maurizio e Andrea



Dopo aver passato una settimana di fuoco, anzi sui fuochi, aver infestato il pianerottolo del vostro condominio con profumi o odoracci molesti provenienti dalle vostre cucine o aver pedinato il povero Cracco per le strade di Milano, è giunta l’ora di svelarvi qualche altro piccolo e prezioso segreto per affrontare al meglio Masterchef.

 

REGOLA N.3 - FATTI L'INDUZIONE (e chi ce l’ha, passi direttamente alla regola numero 4)

Nella cucina di Masterchef (in onda ogni giovedì su sky1) oltre alla presenza dei tre aguzzini del gusto, sempre pronti a punzecchiarvi come un salamella sul fuoco, sono banditi i fuochi! In studio, per motivi di sicurezza, non esistono i fornelli ma l’induzione. Sembrerà un dettaglio risibile, ma fatevi una nuova cucina al più presto o andate ad allenarvi a casa di amici “moderni”. A tutti voi cavernicoli, abituati a cucinare su pietre laviche e roventi o su fiamme alte due metri, consigliamo, quindi, un repentino cambio di rotta.

Comprate delle pentole a induzione, se sarete selezionati fra i 100 fortunati per il primo episodio, e imparate a usarle su questi fuochi fatui. Il piano cottura deve sempre rimanere pulito, altrimenti si blocca, e ricordate che l’induzione è come un gatto, non va mai e poi mai bagnata altrimenti va in tilt e voi vi troverete a cucinare con il solo potere della telecinesi. Quindi,o siete degli X-Man oppure non fate i barboni e rinnovate la vostra cucina!

 

REGOLA N.4 - MYSTERY NON DEVE MORIRE

Durante il percorso di Masterchef vi troverete ad affrontare la mystery box: una scatola misteriosa con 10 o più ingredienti, un tema, 30 secondi per pensare e 45 minuti  in cui devi creare un piatto che deve essere buono, bello, attinente all’argomento e soprattutto mai banale. Per questa sfida esercitatevi così: mandate zia Pina o vostro figlio adolescente o l’amica vegana a fare la spesa, ma la lista degli ingredienti non dovete farla voi, lasciateli liberi di comprare quello che gli pare. Vi ritroverete così una mystery box ogni volta diversa, con cui fare un piatto: ci saranno spezzatini di seitan o risotti all’aranciata. Dite a zia Pina però, di prendere solo ingredienti per la mystery e non i suoi personali, altrimenti vi toccherà fare una pasta al pomodoro, con la pasta della dentiera.

Se volete semplificare l’esercizio, aprite il frigorifero prendendo 10 cose a caso e fate un piatto senza seguire i libri di ricette: è una buona abitudine perché stimola la fantasia e in questi tempi bui è questo l’ingrediente che ti salva la giornata e la cena.

 

Forza quindi: fate i compiti. Siate metodici e che vogliate partecipare a Masterchef oppure no, ricordate l’unica regola importante: in cucina non bisogna mai aver paura di sbagliare… e se sbagliate? Chissenefood.
 

ADV

Leggi anche


Amaretti regali made in Gallarate

Maurizio Medaglia il 09 mag 2019

Dove sono finiti gli ex concorrenti di Masterchef?

La Redazione il 27 mar 2015

Il nuovo esperanto culinario inquina le radici del gusto

Luca Vercelloni il 05 set 2014