Come arrivare alla finale di Masterchef e poi perderla - 3° puntata

E' Joe Bastianich il protagonista del terzo appuntamento con i consigli del duo Maurizio e Andrea



Masterchef è come un aeroporto, c’è gente che va e gente che viene. Ci sono strani personaggi che si aggirano indaffarati, ma come in ogni Hub internazionale, c’è sempre qualcosa pronto a prendere il volo. 

 

REGOLA N.5 - LA NO FLY JOE

Durante le puntate di Masterchef il centro avvistamento ufo di Linate segnala sempre qualche oggetto non identificato. E’ inutile chiamare esperti ufologi o ex militari dell’Area 51, il mistero è presto svelato: si tratta dei piatti lanciati da Joe. Bastianich ha la capacità innata di far tornare in cielo piccioni mal cucinati o insegnare la magia del volo a pollastri poco cotti. Impariamo a riconoscere insieme le reazioni del giudice italo-americano subito dopo aver assaggiato il vostro piatto. Fidatevi, potrebbero tornarvi utili.

 


Reazione 1: l’entusiasmo smisurato

Dopo aver assaggiato il vostro piatto Joe sorride, vi ammicca, vi fa complimenti e dice un sacco di parole. Il significato? Bastianich è felice. Il piatto è di suo gradimento e, anche se è appena stato bistrattato dagli altri due giudici, il Restaurant Man vede, comunque, nella vostra ricetta delle potenzialità.

 

Reazione 2: l’indifferenza

Dopo aver saggiato la vostra delizia, Joe non proferisce parola. Arriccia il naso e vi guarda con occhi assenti. Cosa sta succedendo? La vostra ricetta non ha nemmeno oltrepassato le sue papille gustative, la sua anima ha lasciato momentaneamente il corpo e sta semplicemente pensando ad altro, magari a un nuovo ristorante. Voi non gongolatevi troppo, siete salvi, ma solo per il momento.

 

Reazione 3: il cane Quattro

Dopo l’assaggio incomincia a raccontarvi la storia del suo cane Quattro e vi parla dei suoi gusti, poi, improvvisamente, v’insulta.Cosa significa? Il piatto non è di suo gradimento ma JoE è un grande amante degli animali, in particolare del suo cane, quindi dentro di sè si pone sempre una strana domanda: ma questa ricetta piacerà al mio Quattro? Se avrete ancora il grembiule indosso, comprate un osso nel primo negozio di animali e se vedete il Jack Russel di Joe che si aggira negli studi, ringraziatelo e siate voi a fargli le feste.

 

Reazione 4: il piatto prende quota

Joe ha appena sputato a terra le vostre delizie, la sua faccia è color Brunello di Montalcino, i muscoli del collo sono tirati, gli occhi iniettati di sangue. Poi con un gesto da lanciatore olimpico, scaglia il vostro piatto come se fosse un disco sopra la vostra testa e urla frasi demoniache. E’ l’apocalisse? No, i vostri sogni di diventare Masterchef si stanno infrangendo su un pavimento di resina e cemento. Sarete umiliati e scherniti per i prossimi 6 mesi ed entrerete nella parodia di Crozza. Certo, sarete la nuova star di Youtube, ma bye bye Masterchef. Siate forti, non piangete e cambiate hobby: magari scoprirete di avere il pollice verde.

 

Imparate a riconoscere i segni e studiate nel dettaglio le puntate che sono in onda in questi mesi. Siate pronti a tutto e, se un vostro piatto un giorno prenderà il volo, ricordate che c’è di peggio nella vita: fate spallucce ed esclamate ad alta voce “ma Chissenefood”!

ADV

Leggi anche


Amaretti regali made in Gallarate

Maurizio Medaglia il 09 mag 2019

Dove sono finiti gli ex concorrenti di Masterchef?

La Redazione il 27 mar 2015

Il nuovo esperanto culinario inquina le radici del gusto

Luca Vercelloni il 05 set 2014