Nasello alla palermitana

Un croccante piatto di pesce per inaugurare l'arrivo dell'estate



Pesce fresco e Sicilia: ogni volta che penso alla combinazione di questi due elementi la mia mente viaggia a una delle città più belle che abbia mai visitato, ai vicoli di Palermo, ai profumi della storica Vucciria e all’inebriante cucina del capoluogo siculo. Tra le ricette con cui mi piace festeggiare l’arrivo dell’estate, il nasello alla palermitana è nella mia top five. Un piatto di artusiana memoria fresco e leggero, dai sapori isolani, intrisi degli aromi del mare e con quel certo non so che di croccante che, nella sua semplicità, sa come essere sfizioso.

Ingredienti

Per 4 persone

1 nasello di 1 kg, 5 acciughe salate cicciottine, 5 capperi dissalati e sminuzzati, 80 g di pangrattato, 1 limone, 1 rametto di rosmarino, olio extravergine d’oliva q. b., sale q. b., pepe q. b.

Procedimento

Eviscerate il nasello, lavatelo e spinatelo. Mettetelo in una teglia rettangolare bassa e abbastanza capiente, tale che lo possa contenere senza problemi. Preparate una marinatura con sale, olio, pepe, succo di limone, con questa coprite il pesce e lasciatelo riposare per un’oretta. Nel frattempo prendete le acciughe e fatele sbriciolare in una padella con un po’ di olio, capperi e rosmarino. Quando il pesce sarà pronto, intriso degli aromi della marinatura, spennellatelo con la salsa di acciughe. Passatelo nel pangrattato, disponetelo nuovamente nella teglia con un po’ di liquido della marinatura e infornatelo a 200 °C per 15 minuti, il tempo necessario per fargli fare la crosticina, ma badate a non rinsecchirlo.

ADV

Leggi anche


Il libro sulla cucina di resistenza

La Redazione il 26 mar 2020

Come preparare il roast-beef all'inglese

Davide Paolini il 24 mar 2020

200 anni di Pellegrino Artusi

Davide Paolini il 11 feb 2020