La ricetta degli spaghetti vongole e guanciale

Un gustoso primo di pesce insaporito da un insaccato cult



Per una pasta di grandissima qualità ci vuole anche una grandissima ricetta. Ecco una rivisitazione degli spaghetti alle vongole di Mauro Uliassi che ho provato a semplificare in modo da riprodurla più facilmente a casa. Sono sicuro che non rimarrete delusi dal risultato finale.

Ingredienti per 4 persone

400 g di spaghetti Benedetto Cavalieri, 1 cestino di vongole, pistilli di zafferano, 150 g di guanciale, 100 g di datterini grigliati.

Per il brodo di pesce: 2 sgombri, 1,5 l di acqua, prezzemolo, pepe, 1 spicchio di aglio.

 

Brodo di pesce: mettete tutti gli ingredienti per il brodo in una pentola, portate a ebollizione e fate sobbollire per 30 minuti.

Filtrate ora il brodo e fate bollire metà del guanciale nel brodo.

 

Datterini grigliati: tuffate i datterini nell’acqua che bolle per 10 secondi, scolateli mediante una ramina e immergeteli subito in acqua e ghiaccio. Spellateli e tagliateli a metà.

Grigliate i pomodorini per circa 3 minuti.

Chi dovesse possedere un essiccatore può essicarli a 50 °C per 60 minuti.

 

Vongole: immergete le vongole in acqua bollente per 10 secondi, scolatele e apritele con un coltellino. Sgusciate tutte le vongole e tenetele da parte avendo cura di conservare la loro acqua.

Zafferano: prendete pochi grammi di pistilli di zafferano e immergeteli in un dito di acqua bollente per 20 minuti.

 

Cottura della pasta: mettete gli spaghetti Cavalieri a bollire in acqua salata fino a metà della cottura indicata sulla confezione. Nel frattempo fate rosolare l’aglio in padella con 4 cucchiai di olio. Quando la pasta ha raggiunto metà della cottura scolatela e mettetela nella padella dell’aglio e mantecatela con il brodo di pesce e l’acqua delle vongole fino a quando non sarà cotta. Un minuto prima del completamento della cottura della pasta aggiungete l’acqua con lo zafferano. Continuate a girare. Nel frattempo in una padella fate cuocere il guanciale rimasto fino a renderlo croccante.

Impiattamento: sistemate la pasta nel piatto e decorate con le vongole, i datterini ed il guanciale croccante.

Buon appetito!
-

Fotografie di Silvia Pozzati©

-

Cotto al dente: non potrebbe esserci nome più azzeccato per il mio blog! Infatti sono Dentista di professione e chef per passione..i miei amici però sono in genere più felici di incontrarmi in cucina, piuttosto che in camice e mascherina. Mi piace infatti reinventare ricette classiche e sorprenderli con sapori nuovi e inaspettati.


ADV

Leggi anche


Come preparare il vitello tonnato

Davide Paolini il 15 lug 2020

La merenda con Speck Alto Adige IGP: i pancake

La Redazione il 26 giu 2020

La merenda con Speck Alto Adige IGP: la focaccia di farro e segale

La Redazione il 12 giu 2020