Torna a inizio pagina

Canederli in brodo: la ricetta

Canederli in brodo, una saporita ricetta tirolese nata per recuperare gli avanzi e perfetta per l'inverno



Non so voi, ma io in cucina tendo a dare il meglio nei momenti di massima precarietà. I miei piatti forti sono quelli strappati alla creatività dettata da spirito di sopravvivenza. E’ in questi frangenti di grande ispirazione che vado a recuperare ricette della tradizione contadina, frutto di menti acute che facevano di necessità virtù. Una di quelle che ha salvato spesso le mie cene universitarie sono i canederli, polpette di pane raffermo, insaporito con speck o formaggio e inzuppate nel brodo. Un piatto unico e povero, tipico della cultura culinaria sud-tirolese, nato per non sprecare gli avanzi e ideale per scaldare le fredde serate invernali.

Canederli in brodo

Ingredienti

Per 4 persone

Per i Canederli:

Per il brodo vegetale:

  • 3 carote
  • 2 patate
  • 2 cipolle
  • 2 pomodori
  • 1 zucchina
  • 1 sedano
  • 1 spicchio d’aglio
  • rosmarino
  • prezzemolo
  • alloro, olio, sale, pepe

 

Procedimento

Come preparare i canederli in brodo

  1. Lavate e sbucciate le verdure. Preparate il brodo vegetale mettendo a bollire le carote, il sedano, la patata, la zucchina, i pomodori, le cipolle, lo spicchio d’aglio, il prezzemolo, l’alloro e il rosmarino in una pentola colma d’acqua e regolata di sale e pepe.
  2. Mentre il brodo si restringe, preparate i canederli. Sbriciolate il pane raffermo, bagnatelo con il latte e lasciatelo riposare per mezz’ora.
  3. Tritate la cipolla, tagliate lo speck a cubetti e rosolateli in una padella. Incorporateli al pane raffermo, aggiungendo anche le uova, un po’ di Parmigiano Reggiano, il pepe, il prezzemolo tritato finemente, un pizzico di sale, il pepe e la farina.
  4. Amalgamate il composto e lasciatelo riposare per mezz’ora. Trascorso questo tempo, filtrate il brodo vegetale, fate delle polpettine omogenee grandi quanto una pallina da biliardo e cuocetele a fuoco basso per venti minuti nel brodo vegetale.
  5. A cottura terminata, condite con un filo d’olio extravergine d’oliva e una spolverata di Parmiagiano Reggiano, servite fumanti. 

ADV

Leggi anche


Come preparare il risotto al gorgonzola

Davide Paolini & L'Arusnate il 25 set 2020

Che bontà la vignarola romana

Cristina Rombolà il 16 apr 2020

La ricetta del baccalà fritto

Davide Paolini il 07 ago 2019