Torna a inizio pagina

Capretto al rosmarino. La ricetta

Capretto al rosmarino. Un piatto da re da abbinare a un calice di un fiero Cannonau



L’autunno è una stagione nostalgica: il suo arrivo mi fa spesso ritornare con la memoria al passato, ai ricordi e a momenti indimenticabili, spesso connessi all’assaggio di piatti. La carne di capretto mi piace davvero tanto,amo le razze nazionali e gli allevamenti locali.

Alla ricetta del capretto al rosmarino sono molto legato perché anni fa durante un assaggio di questo piatto in Sardegna, ho esclamato: “ma questo è un piatto da re”. Non sapevo che nell’isola di Molara, dove era stato allevato il capretto che avevo appena assaggiato, Carlo Alberto avesse davvero nominato re, tale Tonino Berteleoni, il pastore del posto.
Capretto al rosmarino

Ingredienti

Per 4 persone

  • 800g di capretto (coscia o lombata)
  • rosmarino
  • 6 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • vino bianco
  • 400g di patate
  • sale
  • pepe nero in grani

 

Procedimento

Come preparare il capretto al rosmarino

  1. Prendete una teglia capiente e oleatela completamente.
  2. Tagliate il capretto a pezzi, conditelo con olio extravergine, vino bianco, sale, pepe e rosmarino.
  3. A parte pelate, lavate e affettate le patate a dadi non troppo piccoli, unitele alla teglia con il capretto e infornate a 200° C per 50 minuti circa.

 

CON QUALE VINO ABBINARE IL CAPRETTO AL ROSMARINO?

Recentemente ho avuto modo di mangiare il capretto al rosmarino e, ripensando al mio viaggio in Sardegna e al pastore Berteleoni, ho deciso che il migliore modo per assaporarlo in pieno e per colmare la mente di ricordi fosse quello di abbinarlo a un calice di Cannonau, il vitigno principe dell’isola. Ho scelto il Dimonios Sella&Mosca, un vino autorevole e fiero come il nome stesso fa intuire. Dimonios è il titolo dell’inno della Brigata Sassari, a cui il vino è dedicato tanto da riportare in etichetta la prima strofa.Coltivato in terreni caldi e sabbiosi, i più vocati per la sua espressione, ha un colore rosso granato e una struttura importante che ben si sposano con un piattosaporito come il capretto al rosmarino.

Dimonios

DIMONIOS CANNONAU DI SARDEGNA RISERVA 2011

  • Colore: rosso rubino nella fase iniziale, durante la maturazione assume tonalità più calde e una minore intensità.
  • Profumo: fine ed elegante, con delicate note floreali tipiche del vitigno e sentori mediterranei veicolati dalle frequenti brezze da grecale. Lieve, ma gradevole,l’apporto speziato derivato dall’affinamento.
  • Sapore: intenso, caldo e di buona struttura. Al palato si sente la presenza di frutta rossa matura accompagnata da alcune note speziate e da tannini ben evoluti. Lunga la persistenza aromatica retronasale.
  • Come si serve: alla temperatura di 18°C.Come si beve: è perfetto con i piatti tipici sardi, porcetto e capretto in primis.

Contatti

TENUTE SELLA&MOSCA

Località I Piani, Alghero (SS)
079.997700
welcome@sellaemosca.com
www.sellaemosca.it

ADV

Leggi anche


Un vino rosé fa primavera

Cristina Rombolà il 24 mar 2021

Ricette per diete aproteiche

Davide Paolini il 09 mar 2021

La spesa in via Sarpi, la Chinatown di Milano

Davide Paolini il 02 feb 2021