Torna a inizio pagina

Orecchiette alle cime di rapa

Orecchiette alle cime di rapa, una ricetta che profuma di Puglia



Se ripenso a tutte le occasioni che ho perduto per gustarle, mi mangerei le mani. Oggi le cime di rapa sono le mie verdure preferite, ma ho continuato a snobbarle almeno fino all’età di diciotto anni quando ho capito che senza, la mia alimentazione non avrebbe più avuto senso.

Un amore maturo e consapevole dunque che mi ha indotto a recuperare il tempo perso e ad approfittare del limitato periodo in cui sono disponibili per abbuffarmi.

Dalla frittata alla pasta, dal riso al pesce, alla carne, ma anche semplicemente sbollentate e condite con un filo d’olio extravergine d’oliva, con quel profumo intenso e quel sapore amarognolo, queste verdure aggiungono un plus valore che può fare la differenza del piatto.

E’ inutile sottolineare che considero le orecchiette alle cime di rapa tra i miei primi preferiti, orgoglio nazionale, oltre che pugliese. 

Ingredienti

Ingredienti per 4 persone

  • 1 kg di cime di rapa
  • 400 gr. di orecchiette fresche
  • 300 gr. di pomodori datterini
  • 100 gr. di pecorino romano
  • 3 spicchi d’aglio
  • 1 peperoncino rosso piccante
  • sale, olio extravergine d’oliva, pangrattato

 

Procedimento

Come preparare le orecchiette alle cime di rapa

  1. Pulite le cime di rapa eliminando le foglie più secche e più dure, lavatele sotto l’acqua corrente e tagliatele. Preparate una pentola d’acqua (non troppo colma) e mettetela a bollire.
  2. Quando l’acqua bolle, salate e versateci le cime di rapa. Dopo tre minuti aggiungete le orecchiette e cuocetele insieme per circa sette minuti.
  3. Scolate la pasta ancora al dente e le cime di rapa croccanti, tenendo da parte un po’ d’acqua di cottura.
  4. Nel frattempo preparate il soffritto, mettendo in una padella abbastanza ampia e bassa gli spicchi d'aglio interi, i pomodori datterini tagliati a metà e il peperoncino tritato.
  5. Nella stessa padella versate le orecchiette, le cime di rapa e saltatele per tre minuti, aggiungendo un po’ d’acqua della loro cottura.
  6. Spegnete la fiamma e spolverate con il pecorino romano e il pangrattato. Servite fumanti. 

ADV

Leggi anche


Come preparare il risotto al gorgonzola

Davide Paolini & L'Arusnate il 25 set 2020

Che bontà la vignarola romana

Cristina Rombolà il 16 apr 2020

Come preparare il minestrone di verdure

Davide Paolini il 05 feb 2020