Torna a inizio pagina

Pasta e lenticchie

La Pasta e lenticchie. Ricetta di un primo arricchito dal gusto inconfondibile del legume



Ho sempre considerato le lenticchie come il contorno top per il cotechino, ma ho dovuto rivedere la classifica personale da quando sono andato a Grassano, un paesino della Basilicata, ed ho assaggiato la pasta e lenticchie della nonna di "paisà" Francesco, una signora super sprint che potrebbe tranquillamente competere con un’impastatrice industriale per la sua velocità nel realizzare i cavatelli.

L’altra sera l’ho proposta alle specialiste della lenticchia Chiara e Francesca e c’è stato un solo  grido … da paura!!!

Le proprietà della lenticchia

Le lenticchie hanno un alto valore nutritivo e contengono circa: 25% di proteine, 53% di carboidrati e il 2% di olii vegetali. Sono ricche di fosforo, ferro e vitamine del gruppo B. Hanno anche un alto contenuto proteico e una scarsa quantità di grassi.

Sono inoltre ricche di vitamine, sali minerali e fibre e la grande quantità di fibre le rendono molto importanti e utili per il funzionamento dell’apparato intestinale e per tenere sotto controllo il livello del colesterolo.

Ingredienti

Per 4 persone

  • 300 g lenticchie di Castelluccio (o altro tipo piccolo),
  • 250 g pasta corta tipo cavatelli
  • 1 cipolla piccola
  • 1 carota
  • 1 costa di sedano
  • 50 g pancetta
  • 700 ml di brodo
  • alloro, rosmarino, sale, pepe, un po’ di peperoncino

 

Procedimento

Come preparare la pasta e lenticchie

  1. Tritate cipolla, sedano, carota e fateli appassire in una pentola con dell’olio extravergine di oliva, dopo qualche minuto fate rosolare la pancetta, unite le lenticchie precedentemente lavate e lasciate rosolare il tutto per qualche minuto, aggiungete un rametto di rosmarino e 3-4 foglioline dall’alloro.
  2. Coprite con il brodo vegetale e fate cuocere le lenticchie per ca. 40 minuti, a cottura quasi ultimata potete eliminare il rametto di rosmarino e l’alloro.
  3. Passati i 40 minuti, aggiungete ini pentola 3-4 mestoli di brodo o acqua bollente; salate, mettete un pezzettino di peperoncino, a seconda del vostro gusto e buttate dentro i cavatelli (ottima variante sono i gnocchetti sardi).
  4. Portate a cottura la pasta, aggiungendo, nel caso si asciugasse, altra acqua bollente o brodo, impiattate con un filo di olio e del pepe nero. 

ADV

Leggi anche


Ricette per diete aproteiche

Davide Paolini il 09 mar 2021

Passata di fagioli di Rotonda con anguilla e animelle

Cristina Rombolà il 19 gen 2021

Il miele in cucina: la ricetta della Trattoria Battibecco

La Redazione il 15 dic 2020