Torna a inizio pagina

Salsa di pomodoro

Salsa di pomodoro. Le ricette del Gastronauta fatte di ricordi e antiche tradizioni



Mia nonna Teresina aveva un Artusi molto consunto dalle tante volte che lo aveva utilizzato, ma vicino alle ricette di Pellegrino aggiungeva delle sue variazioni, a volte davvero azzeccate. Ricordo soprattutto la salsa di pomodoro che, a prima vista, può sembrare un piatto banale, ma da quando mia nonna mi fece assaggiare spaghetti pomodoro e basilico alla sua maniera, vado cercando lo stesso gusto che, ahimè, dopo la sua dipartita non ho più trovato.

E spaghetti pomodoro e basilico sono e rimangono uno dei miei piatti preferiti, peccato che ciò che si mangia in giro non è di livello, nonostante la semplicità di esecuzione.

Curiosità: Pomodori del Piennolo del Vesuvio Dop

Ispirandosi agli spaghetti al pomodoro di un eccellente protagonista della cucina italiana, Massimo Bottura, per questa ricetta si potrebbe usare, come varietà di pomodori, quelli del Piennolo. Si tratta di un antico ecotipo dell’agricoltura campana, coltivato sulle pendici del Vesuvio e tutelato dalla Dop.

Di piccole dimensioni (non supera i 25 grammi), ha una forma ovale con una punta (pizzo) finale, un colore rosso vermiglio e una buccia spessa. Il terroir vulcanico assicura un’alta concentrazione di zuccheri e di acidi che favoriscono la lunga conservazione.

Per questo motivo il suddetto pomodoro presenta, al gusto, un equlibrio di acidulità e dolcezza che garantisce un sapore veramente intenso. Il nome “del Piennolo” fa riferimento alla tecnica di conservazione dei pomodori che, riuniti in grappoli (schocche) e legati con una cordicella di canapa, vengono sospesi in spazi areati a fatti maturare lentamente.

La semina avviene a marzo-aprile, la raccolta a luglio-agosto, ma il peculiare metodo di stagionatura permette di conservarli fino all'inverno o alla primavera successiva.

Ingredienti

  • 1/2 cipolla
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva italiano
  • un becco d’aglio
  • 1 kg di pomodori
  • un mazzetto aromatico (sedano, lauro, carote, estragone, cerfoglio, timo)
  •  sale q. b.

 

Procedimento

  1. Portate a ebollizione l’acqua in una casseruola, immergete i pomodori freschi.
  2. Dopo averli sbollentati, togliete loro la buccia. Eliminate l’acqua di vegetazione e i semi.
  3. Prendete un’altra casseruola bassa e larga e ponetevi l’olio, la cipolla tritata finemente e l’aglio, lasciandoli sudare.
  4. Passate i pomodori al passaverdure e aggiungeteli a questo fondo. Immergetevi il mazzetto aromatico. Aggiustate di sale e cuocete per pochi minuti. Questa salsa è perfetta per la pasta al pomodoro.

ADV

Leggi anche


Biodiversità, il pomodoro Riccio di Parma

Davide Paolini il 07 ago 2018

Pomodoro camone, da sardo a svizzero

Davide Paolini il 25 giu 2018

Pomodoro Fiaschetto recuperato

Davide Paolini il 12 feb 2018